Concluso il progetto BIO NETWORK Rete di Imprese

Il progetto nasce come parte integrante e sostanziale dell’Accordo Quadro Conciliazione, volto a realizzare gli obiettivi previsti dal progetto “Imprendi donna in ambito rurale”, capofila Provincia di Pavia, in collaborazione con C.C.I.A.A. Pavia, Gal Alto Oltrepò, Gal Lomellina,  C.I.A., Coldiretti, Copagri, Confagricoltura provinciali.

 

Finalità progettuale è il sostegno all'imprenditoria femminile, inserendo regimi orari flessibili che permettano la conciliazione famiglia-lavoro nell'ambito occupazionale, anche in area agricola, e, in funzione della libertà di scelta delle donne alla partecipazione al mercato del lavoro. Le imprese aderenti, liberamente hanno deciso di avviare un percorso di rete, ritenendo un valore aggiunto alla propria impresa la conciliazione e la gestione della propria famiglia in un percorso aziendale utile a migliorare la produttività ed il budget aziendale, in tempi di grave crisi economica, come quello attuale, con la prospettiva di offrire anche ad altre persone nuove opportunità di lavoro e, migliorando, nel contempo, le condizioni di vita del territorio rurale, incidendo, favorevolmente, sulla limitazione della mobilità e del pendolarismo.

La scelta strategica della Provincia di Pavia

La sfida della familiarizzazione dei servizi alla persona viene attuata attraverso nuove modalità di accoglienza rivolte alle famiglie in un sistema strutturato, come oggi globalmente definito family friendly, caratterizzato da azioni ed attività che coniugano una forte motivazione all’azione (valori relazionali) con elevati livelli di professionalità e di gestione della complessità organizzativa.

Attraverso il progetto si vuole dare vita ad una sperimentazione che porti alla definizione di un SISTEMA FAMIGLIA in un territorio rurale che pone, appunto, la famiglia al centro del proprio sviluppo agricolo-turistico-valoriale, attento ai bisogni ed alle aspettative di ciascun componente delle famiglie, siano esse gradite ospiti che residenti nei comuni oltre padani, in un contesto che valuti la sostenibilità delle azioni parallelamente al disposto del PSR 2007-2013. Attraverso il piano di sviluppo rurale e, nella fattispecie, attraverso l’azione del “Patto per la promozione dell’uguaglianza di genere e la non discriminazione” , la Provincia di Pavia si è posta l’obiettivo di qualificarsi come territorio che sostiene una nuova forma di accoglienza ed una cura attenta ai bisogni familiari in tutte le sue sfaccettature, recuperando i valori etici e della cultura contadina, senza tuttavia non porre la dovuta attenzione alla sostenibilità del territorio ed alle politiche di sviluppo. In particolare, si è voluto evidenziare il ruolo della donna, sia imprenditrice, già impegnata, a vario livello, nel settore, sia della donna che decide di lasciare un’attività pendolaristica, impegnandosi sul territorio rurale provinciale in un’attività che possa conciliare il lavoro in azienda agricola, e/o a vario titolo in ambito rurale, con il lavoro di cura familiare e parentale. Il progetto intende gradualmente andare a costituire, sostenere e promuovere una RETE DI AZIENDE FAMILY FRIENDLY attraverso mutui scambi e collaborazioni.

Obiettivi realizzati dalla rete d’imprese

Al fine di sostenere e incentivare l’imprenditoria femminile, in ambito rurale, le imprese hanno quindi dato vita alla prima RETE D’IMPRESE a livello agricolo provinciale, una rete di imprese a totale gestione e carattere femminile,  unendo, per il raggiungimento di tale finalità, le forze economiche e le competenze aziendali. La Rete, con finanziamento previsto nell'ambito del citato Accordo Quadro, ha realizzato:

- un network informatico (sito web comune e intranet) che consente lo scambio di informazioni e documenti a distanza,  più l’ampliamento e l’aggiornamento dei siti di ciascuna imprenditrice con i contenuti della rete; il tutto per dare un’immagine più completa, precisa e aggiornata delle offerte e azioni che la rete andrà a proporre ed attuare;

- un servizio di baby sitting a disposizione delle organizzazioni aziendali (figli, nipoti delle imprenditrici e di eventuali dipendenti) nonché delle famiglie in transito nelle aziende e del territorio.

L’obiettivo comune di progetto, afferente la Rete d’Imprese, è consistito nella sperimentazione di un progetto comune volto a migliorare da un lato la promozione dell’attività aziendale, dall'altro, la sperimentazione in rete di servizi interaziendali rivolti alle famiglie delle imprenditrici e/o ospiti.

L’impegno delle tre imprenditrici nell'ambito del progetto ha interessato sia l’area “time saving” relativamente alla distanza chilometrica tra le aziende collocate nelle tre aree provinciali (pavese, lomellina e oltrepo) e quindi nella necessità di poter collaborare via internet e intranet e nell'area “servizi di cura” sia interaziendali che riferiti al welfare territoriale e locale.

Costituzione rete d’imprese  “Family Friendly”

AZ. AGR. TENUTA SAN GIOVANNI – imprenditrice Cristiana Sartori

AZ.  OIKOS ABITARE POETICAMENTE LA TERRA – imprenditrice Piera Pisanu

AZ. AGRICOLA CASTELFELICE “Oasi della Gioventù”– imprenditrice Galati Maria Cristina

Le aziende rientrano nell’ambito del progetto gestito dalla Provincia di Pavia – Assessorato alle Pari Opportunità, progetto avente l’obiettivo di attivare azioni con connotazione family friendly caratterizzate da organizzazione, servizi e strutture a misura di famiglia con particolare attenzione ai bambini, alle persone anziane e alle persone diversamente abili.

Le imprese sono state formate  c/o PaviaSviluppo – Azienda Speciale della Camera di Commercio di Pavia, nell'ambito della misura 331/A –  e c/o la Provincia di Pavia – US Pari Opportunità, nell'ambito della misura 111/B del PSR 2007-2013 e di un corso specifico relativo alla costituzione di Rete d’Imprese di PaviaSviluppo.

Per maggiori informazioni è possibile visualizzare il sito: www.bio-network.it

Condividi