Oltre ciò che vedi, la Provincia di Pavia mette in mostra le sue eccellenze Grande successo a Milano per il primo evento di lancio del territorio in vista di EXPO

Le eccellenze del territorio dell'Oltrepo Pavese in vetrina per una giornata speciale. Questo il cuore del progetto “Esperienze di riso e di vino nella terra dei Longobardi e dei Visconti” incentrato sulla valorizzazione delle caratteristiche di un territorio che si presenta come un mosaico di identità e simboli. Parole, immagini, profumi, sapori, musica, storia, tradizioni sono le peculiarità della “terra dei Longobardi e dei Visconti”, elementi del concept “Oltre ciò che vedi” presentato a Milano, nelle sale della Mediateca Santa Teresa e che ha visto la partecipazione di circa 500 persone e 30 giornalisti accreditati.

 

La serata è stata organizzata dal consozio AST ( Agenzia per lo Sviluppo Territoriale). 

«Abbiamo proposto un abbinamento fra cibo e vino - ha detto Daniele Bosone, presidente della Provincia di Pavia - perché riteniamo siano delle carte vincenti che vorremmo proporre per EXPO. La Provincia di Pavia si presenta a questa manifestazione con piatti forti come la cultura e la storia. Partiamo dalla Certosa, e passando per i castelli della Lomellina, arriviamo alle abbazie e ai castelli dell'Oltrepo. Vogliamo “raccontare” il nostro territorio, cosa che in passato non è stata fatta in maniera sufficiente, parlando dei prodotti, della storia, due aspetti che oramai sono sempre più legati, non si può gustare un prodotto senza saperne la storia e la storia del territorio dove nasce».

L'idea è quella di creare un wine tour, che avrà come punto di riferimento la nuova enoteca regionale di Cassino a Broni da dove partiranno delle visite guidate nelle valli del vino. L'appuntamento è le terre del pavese è per tutto il periodo che precede e segue EXPO.

Sulla stessa lunghezza d'onda Franco Bosi, presidente della Camera di Commercio di Pavia. «L'EXPO è un'occasione unica – ha spiegato Bosi - sia per la vicinanza territoriale che per il tema legato alla nutrizione, argomento molto importante per un territorio come il nostro tipicamente a vocazione agricola e dove anche l'industria è legata alla filiera agricola. Vogliamo cogliere questa occasione e per questo ci siamo coordinati per realizzare eventi sia all'interno di EXPO, con il padiglione del riso e con quello del vino, sia con eventi fuori dall'EXPO, nella città di Milano e in varie location strategiche, dove faremo delle serate per favorire e far conoscere il nostro territorio e le nostre prelibatezze».

“Oltre ciò che vedi” è realizzato dalla Provincia di Pavia e dai partner di progetto , con il patrocinio della Regione Lombardia, della Fondazione Banca del Monte di Lombardia, della Fondazione Comunitaria della provincia di Pavia e rientra nell’ambito di un ricco progetto complessivo che comprende iniziative ed eventi di promozione del territorio.

La Sala Crociera, ovvero la crociera dell’ex chiesa Santa Teresa, ha vissuto il racconto del riso lomellino e pavese: una performance con protagoniste due attrici/soprano che hanno cantato il riso, le tecniche di produzione e lavorazione, le proprietà di questo alimento e la cultura nata attorno alla coltivazione, dalle mondine alle storie legate al riso. Lo spettatore che ha partecipato ha annusato, assaggiato e imparato i segreti millenari del territorio che per primo cominciò a coltivare il riso.

Parallelamente si è svolta la degustazione dei vini della provincia di Pavia e del vino principe di queste zone: il Bonarda. Non un semplice assaggio dei vini, ma un percorso fatto anche di tatto, sguardi e profumi della terra argillosa e calcarea, dei tralci appena colti e l’ascolto dei rumori e delle musiche legate al mondo enoico.

Condividi