I minori stranieri non accompagnati nel territorio pavese

La Provincia di Pavia – Osservatorio Provinciale Immigrazione - ha presentato la ricerca, realizzata in collaborazione con l’ Università degli Studi di Pavia – Master “Immigrazione, genere, modelli familiari e strategie di integrazione , I minori stranieri non accompagnati nella provincia di Pavia. Il fenomeno dei MSNA (Minori Stranieri Non Accompagnati) sul territorio italiano rappresenta un ambito ancora poco esplorato e conosciuto a livello di opinione pubblica.

Chi sono i MSNA? La legislazione italiana definisce i MSNA quali minori "…non aventi cittadinanza italiana o di altri Stati dell'Unione europea che, non avendo presentato domanda di asilo, si trovano per qualsiasi causa nel territorio dello Stato privi di assistenza e rappresentanza da parte dei genitori o di altri adulti legalmente responsabili in base alle leggi vigenti nell'ordinamento italiano.” (art. 1, comma 2, D.P.C.M. n. 535/99).

“In realtà” afferma l’ Assessore Francesco Brendolise, “la retrospettiva di questa definizione rigida è un universo variegato di situazioni o motivazioni che spingono il minore alla realizzazione di un progetto migratorio, voluto qualora sia volto a migliorare la precaria condizione economica personale e della famiglia d'origine o subìto quando il giovane è costretto alla fuga da situazioni degradanti e pericolose (prostituzione, criminalità, guerre e persecuzioni)”.

Se, nonostante la dinamica migratoria nel nostro Paese abbia registrato un significativo e costante aumento dei flussi migratori, nell’ ultimo ventennio – ad eccezione di una lieve flessione nel periodo più recente – e l’ immigrazione sia stata affrontata con politiche governative orientate più a gestire l’ emergenza  piuttosto che a considerarla un fattore strutturale, per i MSNA il discorso è ancora più complesso.

“Ben conoscono gli Enti locali, ed in particolare i Comuni, del territorio pavese , al pari di quelli oltre confine”  prosegue  l’ Assessore Francesco Brendolise “le difficoltà quotidiane nella gestione della presa in carico dei minori, siano essi Italiani o provenienti da altro Paese e la diretta ricaduta economica”.

“Una seria riflessione, in merito, si è quindi posta a livello locale, da cui è scaturita la necessità di poter disporre della situazione in atto attraverso un’ indagine mirata. La Provincia di Pavia – Osservatorio Provinciale Immigrazione - ha promosso conseguentemente una ricerca, in collaborazione con l’ Università degli Studi di Pavia – Master “Immigrazione, genere, modelli familiari e strategie di integrazione”.

“Personalmente ritengo” conclude l’ Assessore Brendolise “che le strategie politico-amministrative di accoglienza e inclusione sociale   dei MSNA debbano essere orientate ed adeguate ai mutamenti, in evoluzione, indotti dalla globalizzazione in atto. 

Non è infatti trascurabile ricordare che questi ragazzi e ragazze fanno parte delle ‘seconde generazioni’ di persone immigrate in Italia, insieme ai coetanei stranieri nati in Italia. Ciò significa che al compimento dei 18 anni, diventeranno cittadini italiani ed europei e sceglieranno, come già succede, di rimanere in Italia per costruirsi un futuro. Un futuro nel quale il sistema di accoglienza diventi sinonimo di inclusione ed equità sociale”.

 

Condividi