Ponte sul Po di Bressana, imposto per ragioni di sicurezza il transito a 30Km/h

A seguito delle lesioni dell’impalcato del ponte sul fiume Po lungola SP ex SS 35 nei comuni di  Bressana Bottarone e Bastida Pancarana, lato Oltrepò, che si sono evidenziate dopo gli ultimi eventi di pioggia eccezionali, lesioni che hanno provocato pesanti fessurazioni del piano viabile bitumato e conseguenti eccessive vibrazioni soprattutto al passaggio dei mezzi pesanti la Provinciadi Pavia ha emesso oggi un’ordinanza che impone il  limite di velocità di 30 Km/hper tutta la lunghezza del ponte sul fiume Po.

La decisione è necessaria al fine di diminuire le sollecitazioni dinamiche che affaticherebbero ulteriormente le strutture già in sofferenza così da garantire il transito in sicurezza  dei veicoli nonché la sicurezza del cantiere nel tunnel ferroviario sottostante.

L’Ordinanza di istituzione limite di velocità rimarrà in vigore fino al completamento dei lavori di rimessa in sicurezza del manufatto

In accordo con Ferrovie dello Stato è stato inoltre deciso di organizzare un presidio h 24 per il controllo del rispetto di tale limite di velocità che sarà concordato conla Prefetturadi Pavia. Una precauzione necessaria per tutelare il ponte che, allo stato attuale, non deve subire eccessive sollecitazioni.

“A quasi un anno dal danno alla soletta stradale ( lato Pavia) che aveva resa necessario imporre il divieto al traffico pesante sul Ponte – principale collegamento dell’Oltrepò con Pavia e Milano , torna a riproporsi lo stesso problema, ma questa volta nel lato opposto”, spiega l’Assessore ai Lavori Pubblici Maurizio Visponetti. “Questa mattina – prosegue - si è tenuto un incontro tra i tecnici della Provincia di Pavia e i tecnici delle Ferrovie dello Stato i quali, di comune accordo, hanno deciso di prendere queste prime precauzioni che tengono conto del fatto che , nella parte inferiore della struttura corre la ferrovia, a doppio binario, della linea Milano – Genova.”

 Dopo il danno strutturale risalente circa ad un anno fa sono tuttora in corso i lavori di ripristino delle condizioni di sicurezza strutturale che dovrebbero essere ultimati per fine anno. I lavori vengono effettuati negli intervalli notturni di assenza del passaggio dei treni (intervalli di quasi 4 ore), senza interruzione sia del traffico stradale (per i mezzi “leggeri”), sia di quello ferroviario. La situazione dell’impalcato, che viene a pregiudicare ulteriormente la situazione complessiva dei ponti sul territorio , sarà portata anche all’attenzione dell’Assessore alle Infrastrutture di Regione Lombardia, Alberto Cavalli

 

Condividi