Online la pagina Facebook “Fra il Ticino e il Po”

logo pia

Il Progetto Integrato d’Area “Fra il Ticino e il Po: alla scoperta di acque e castelli”, approda nel mondo social e lo fa con una pagina ufficiale di Facebook “Fra il Ticino e il Po” (www.facebook.com/frailticinoeilpo)al fine di favorire l’apprendimento e la conoscenza degli interventi in atto.

La pagina Facebook consente di offrire al turista la possibilità di selezionare le esperienze che desidera, grazie a informazioni puntuali e precise e privilegiando la pubblicazione di foto di alto valore estetico ed esperienziale. Per questo la pagina verrà utilizzata per raccontare l’ambiente, il patrimonio culturale e la dimensione della scoperta compiendo scelte efficaci e capaci di avere un impatto positivo sull’incremento dei flussi turistici nella zona.

Negli ultimi tempi il turista ha subito infatti una notevole evoluzione, l’esigenza è quella di personalizzare l’esperienza, di racchiudere in uno stesso pacchetto diverse opportunità di svago e divertimento, il tutto supportato dalla considerazione di fondo che il turista contemporaneo trova da solo le informazioni che gli servono utilizzando il più delle volte il canale web.

 

La pagina Facebook si rivolge quindi a un’utenza variegata, interessata alle diverse proposte legate ai prodotti turistici locali: turismo ambientale, enogastronomico, culturale, religioso, scolastico e d’affari. Un contenitore rivolto ai residenti dell’area, al visitatore lombardo, di altre regioni e anche internazionale, soprattutto in vista di Expo 2015, quando importanti flussi di turisti arriveranno a Milano e in tutta la Lombardia per seguire l’evento e scoprire il territorio che lo circonda.

Gli obiettivi strategici della comunicazione tramite il canale Facebook saranno quindi quelli di coinvolgere i cittadini residenti e i potenziali visitatori, presentare il territorio come un insieme di attrattive che incentivano il turista a una maggiore permanenza, distinguersi come territorio di eccellenza in materia di turismo sostenibile e promuovere la fruizione di nuclei storici, musei, architetture civili, di culto e produttive.

 

Condividi