All’Istituto “Clerici” di Pavia il corso professionale per “Assistente per l’Autonomia e l’Inclusione delle Persone Disabili”

Alla presentazione del Corso, finanziato da Regione Lombardia, erano presenti l’Assessore provinciale Francesco Brendolise il Dirigente dell’Ufficio Scolastico di Pavia Giuseppe Bonelli, i referenti dei Centri Territoriali per l’Inclusione del MIUR di Vigevano e Voghera, il Presidente di FAND (Federazione delle Associazioni Nazionali dei Disabili) Lombardia Nicola Stilla e i Tecnici incaricati dell’Istituto Clerici.

 

“L’Assistente per l’autonomia e l’inclusione delle persone disabili – commenta l’Assessore Francesco Brendolise - in collaborazione con gli insegnanti curriculari e di sostegno, svolge attività integrate e specialistiche finalizzate a favorire l’autonomia e la comunicazione degli alunni/studenti disabili gravi, cosicché possano essere raggiunti gli obiettivi didattici ed educativi previsti nel Piano Educativo Individualizzato (P.E.I.) e, in ultima istanza, si realizzi una concreta inclusione scolastica”.

Collabora in stretta sinergia con l’insegnante di sostegno e, nel caso in cui la situazione dell'alunno/studente lo richieda ossia nella diagnosi funzionale venga riconosciuta la necessità del suo impiego, garantisce una presenza continuativa all’interno del contesto scolastico supporto attuando interventi di tipo assistenziale, educativo e abilitativo per favorire lo sviluppo di una maggiore autonomia in soggetti che presentino impossibilità o difficoltà permanenti a compiere azioni in maniera indipendente, stimolandone la collaborazione e riducendo progressivamente l’ampiezza del supporto fornito.

Inoltre, opera all’interno dell’ambito domestico al fine di rinforzare le capacità acquisite in ambito  scolastico.

CONTESTI LAVORATIVI

Ambito/i di riferimento:

Svolge la sua attività all’interni di asili nido, scuole dell’infanzia, primarie, secondarie di primo grado e secondarie di secondo grado e al domicilio dell’alunno/studente.

Collocazione/i organizzativa/e:

Generalmente opera da solo e a diretto contatto con l’alunno/studente, interfacciandosi con l’équipe degli insegnanti, l’insegnante di sostegno, i collaboratori scolastici ed i familiari.

Modalità di esercizio del lavoro:

Modalità e tempi dell’attività, definiti contrattualmente a partire dalle esigenze dell’alunno/studente, sono variabili e possono arrivare al completamento dell’orario scolastico non coperto dall’insegnante di sostegno. Inoltre, possono essere previste delle ore di supporto presso il domicilio all’alunno/studente per rafforzare le capacità maturate in ambito scolastico.

Condividi