Ecco i numeri dello I.A.T. di Pavia nel 2013

I contatti gestiti dall’Ufficio I.A.T. di Pavia, situato nel Palazzo del Broletto in Piazza della Vittoria, durante l’anno 2013 sono stati 16.364 (7.388 nei primi sei mesi e 8.976 nei restanti sei mesi). Si rileva un leggero calo dei contatti rispetto allo scorso anno (16.684). “I contatti sono in leggera flessione – conferma l’Assessore al Turismo della Provincia di Pavia, Emanuela Marchiafava - ma praticamente invariati: si riconferma ancora una volta che tre turisti su quattro sono italiani, uno su quattro proviene dal nord Italia e uno su due é lombardo.

Abbiamo quindi un turismo regionale e questo è un turismo facilmente fidelizzabile: sono visitatori che provengono da vicino e possono ritornare grazie alla realizzazione di un calendario di offerte culturali. Anche per quanto riguarda la provenienza estera, Francia, Germania e Spagna, i turisti provengono da nazioni vicine. Significa che per implementare ulteriormente questi flussi turistici non dobbiamo spingerci chissà dove. Occorre “coccolare” questi turisti europei – conclude l’Assessore Marchiafava - e far questo richiede costi inferiori che non cercare di coinvolgere turisti provenienti da lontano, come i cinesi o gli americani”.

Nello specifico si può affermare che l’afflusso di turisti dai paesi stranieri vicini all’Italia è rimasto costante: Francia, Germania e Spagna su tutti, mentre quelli italiani sono in leggera flessione a parte quelli provenienti dalle province vicine alla nostra.

Le presenze sono state anche suddivise per mese:

Ø      dal 1° al 31 gennaio 2012: 937 contatti

Ø      dal 1° al 28 febbraio 2012: 849 contatti

Ø      dal 1° al 31 marzo 2012: 1.182contatti

Ø      dal 1° al 30 aprile 2012: 1.389 contatti

Ø      dal 1° al 31 maggio 2012: 1.495 contatti

Ø      dal 1° al 30 giugno 2012: 1.536 contatti

Ø      dal 1° al 31 luglio 2012: 1.686 contatti

Ø      dal 1° al 31 agosto 2012: 1.703 contatti

Ø      dal 1° al 30 settembre 2012: 2.044 contatti

Ø      dal 1° al 31 ottobre 2012: 1.396 contatti

Ø      dal 1° al 30 novembre 2012: 1.024 contatti

Ø       dal 1° al 31 dicembre 2012: 1.123 contatti

 Il numero totale di utenti che si sono rivolti allo IAT nell’anno 2013 è stato pertanto di 16.364 contatti così suddivisi:

visitatori: 13.023 (79,6%)

telefonate: 3.341 (20,4%)

 La media dei contatti (visitatori + telefonate) è stata di circa 45,2 utenti al giorno

(comprensivi dei week-end) calcolata sui 362 giorni di apertura.

 Dal  conteggio sono escluse tutte le visite in ingresso o telefonate non di carattere prettamente turistico/culturale come informazioni generiche quali: biglietti per concerti, apertura uffici enti pubblici, indirizzi esercizi commerciali, richieste di studenti e altre richieste generiche.

I visitatori in Ufficio sono stati suddivisi in due categorie:

italiani: 10.069 (77,3 %)

stranieri: 2.954 (22,7 %)

Tipologia dell’utenza che ha avuto contatti con l’ufficio I.A.T. (visitatori e telefonate):

48 singolo individuo

31% coppie

11% famiglie

10% gruppi di turisti (3 o più persone non legate da vincoli familiari)

Età dell’utenza che ha avuto contatti con l’ufficio I.A.T.:

45% adulti (dai 30 ai 65 anni)

28% anziani (oltre i 65 anni)

24% giovani (dai 14 ai 29 anni)

3 % bambini (da 0 a 13 anni)

Si ricorda anche che nella città di Pavia è aperto, presso i musei civici del Castello Visconteo, un Info point per turisti, gestito dal solo Comune di Pavia, che integra l’offerta di accoglienza turistica.

LA PROVENIENZA DEL PUBBLICO

Durante la settimana, l’afflusso turistico più consistente arriva dalla regione Lombardia, in particolare dai residenti in Pavia e provincia, mentre durante i fine settimana, un buon numero di visitatori proviene per la maggior parte dalle vicine province di Milano, Lodi, Cremona, Bergamo, Alessandria, Piacenza.

Per quanto riguarda i turisti italiani che arrivano da fuori Lombardia, l’afflusso più numeroso è dal Piemonte e dall’Emilia Romagna, seguiti da Veneto, Liguria e Lazio.

I turisti stranieri rappresentano una parte non trascurabile dei visitatori dell’ufficio. La provenienza è in prevalenza da Francia e Germania, seguite da Spagna, Svizzera, resto d’Europa e resto del mondo.

Nello specifico:

Provenienza italiana dell’utenza I.A.T.:

51 % Lombardia

26 % Nord Italia (esclusa la Lombardia)

18 % Centro Italia

5 % Sud Italia e isole

 

Le regioni italiane (esclusa la Lombardia) che hanno registrato una maggiore affluenza sono:

1° Piemonte

2° Emilia Romagna

3° Veneto

Liguria

5° Toscana

 

Provenienza estera dell’utenza I.A.T.:

26 % Francia

25 % Germania

22 % Spagna

5 %   Svizzera

14 % Est e Nord Europa

8 %   Resto del mondo

Condividi