Centrale di Casei Gerola, respinto il ricorso al Tar presentato dai comuni alessandrini

Il TAR Lombardia di Milano – sez. IV, con sentenza depositata il 9 gennaio 2014, ha respinto il ricorso presentato dal Comune di Castelnuovo Scrivia e da altri comuni dell’alessandrino avverso l’autorizzazione unica alla realizzazione dell’impianto per la produzione di energia da biomasse a Casei Gerola.

 

Il ricorso era stato promosso dai comuni di Castelnuovo Scrivia, Molino dei Torti, Alzano Scrivia, Pontecurone, Isola Sant’Antonio e Guazzora nel settembre 2012 per chiedere l’annullamento dell’Autorizzazione Unica e di ogni altro atto ad esso conseguente relativo alla centrale di Casei.

“Questa è una notizia importante per il nostro territorio perché si chiude con successo una vicenda in merito alla quale la Provincia di Pavia ha sempre lavorato con attenzione e impegno. Il Tar ci dà ragione, la normativa è stata rispettata. Al momento abbiamo solo il dispositivo in forma sintetica e non conosciamo in modo approfondito la sentenza. Certo è che il ricorso è stato respinto e che ora non ci sono più riserve per non andare avanti con determinazione in un progetto che vede due settori importanti - industria ed agricoltura – impegnati insieme per dare nuovo lavoro alla nostra provincia”, commenta il Presidente della Provincia di Pavia, Daniele Bosone.

La Provincia, difesa dall’avvocato Carlo De Martino, aveva ritenuto di costituirsi in giudizio sia in quanto direttamente coinvolta nel ricorso, sia perché le motivazioni addotte dai ricorrenti riguardavano norme in materia di autorizzazioni agli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili in vigore nella Regione Piemonte e non in Regione Lombardia, norme alle quali la Provincia di Pavia si è attenuta espletando correttamente l’istruttoria che ha portato all’Autorizzazione di cui si chiedeva l’annullamento.

“Sono soddisfatto del buon esito di questa vicenda – aggiunge l’Assessore alle Politiche Ambientali Michele Bozzano – che ci dà ragione sul fatto che la Provincia di Pavia ha agito nel pieno rispetto delle leggi comunitarie, nazionali e regionali. Un plauso va dunque ai nostri uffici per la competenza dimostrata”.

 

Condividi