Progetto scuole, le alternative dopo l'assemblea pubblica

Dopo la assemblea pubblica di mercoledì 13 novembre sul progetto Campus al Ticinello, dopo aver ascoltato gli interventi e le esigenze emerse da parte dei docenti e degli studenti tre sono le opzioni sul tavolo.

 

1- Avendo come priorità l’imminenza dello sfratto del Volta a cui dobbiamo necessariamente dare una ricollocazione fisica si realizzano (previa verifica di fattibilità sotto l’aspetto economico) solo due nuove scuole: il Cossa e il Volta. Il Cossa al Ticinello e il Volta presso la sede principale di Via Abbiategrasso. È chiaro che si tratterebbe della costruzione di due sole scuole e che cade l’idea di un disegno d’insieme, di una nuova riqualificazione scolastica e complessiva di quell’ area. L’Ipsia Cremona resterebbe dove è e le due scuole nuove resterebbero due entità staccate tra sé e dalle altre. Niente integrazione, niente novità, insomma niente di nuovo.

2 – Anche partendo dalla considerazione che ci sembra discriminante nei confronti dei ragazzi del Cremona non pensare ad una nuova sede unificata, c’è un’altra alternativa che è quella su cui lavoreremo di più. Si tratta di capire se ci sono i tempi tecnici e le possibilità finanziarie per redigere un progetto preliminare nell’area del Comune di Pavia, non quella di via Flarer che ci hanno proposto perché serve una variante urbanistica, ma nell’area a sud del Volta in fregio a via Tibaldi, azzonata nel PGT adottato come “attrezzature pubbliche o di interesse pubblico – aree per servizi in progetto”.  In tal caso probabilmente si riuscirebbe a includere anche l’Ipsia Cremona. Questa è una cosa da capire e valutare. Se stabiliamo che ci sono i tempi tecnici necessari e sufficienti chiederemo immediatamente, entro una settimana, la disponibilità gratuita al Comune di Pavia di quell’ area.

3 - Terza possibilità: l’urgenza di non lasciare il Volta senza scuola e la non sostenibilità tecnica o economica delle altre due opzioni nonché anche il dispiacere di lasciare “a piedi” l’Ispia Cremona chiamano tutti a un senso di responsabilità e di adesione al progetto Campus Ticinello già presentato.

Condividi