BIOPAVIA, prima fiera del consumo critico

 Prima Fiera del Consumo Critico cittadina a cura dei Gruppi di Acquisto Solidale di Pavia e provincia.  BIOPAVIA - questo il titolo dell'iniziativa - si terrà domenica 21 aprile 2013, dalle 10 alle 19 in Piazza Petrarca, nei Giardini Malaspina e nella Sala dell’Annunciata. L’evento è patrocinato da Provincia e Comune di Pavia, in collaborazione con CSV di Pavia. In programma conferenze, tavole rotonde, banchetti informativi, laboratori per adulti e bambini, momenti eno-gastronomici e molto altro, sulle tematiche del consumo critico e dello sviluppo sostenibile.

 

Nell’ambito della manifestazione, a partire dalle 10:00 di mattina e per tutto il giorno, in piazza Petrarca (che per l'occasione sarà chiusa al traffico) si svolgerà un ampio mercato  dei produttori fornitori dei Gruppi di Acquisto Solidale.

COS’E’ UN GRUPPO DI ACQUISTO SOLIDALE (G.A.S.)?

GAS significa Gruppo di Acquisto Solidale.

Un gruppo di acquisto è formato da un insieme di persone che decidono di incontrarsi per acquistare

direttamente dal produttore prodotti alimentari o di uso comune, da ridistribuire tra i membri stessi

del gruppo.

Un gruppo di acquisto diventa solidale nel momento in cui decide di effettuare gli acquisti in modo

critico, utilizzando il concetto di solidarietà come criterio guida nella scelta dei prodotti.

Solidarietà che si origina inizialmente dai membri del gruppo e si estende subito ai produttori che

forniscono i prodotti, all’ambiente, ai popoli del sud del mondo e a coloro che, a causa della

ingiusta ripartizione delle ricchezze, subiscono le conseguenze di questo modello di sviluppo

iniquo.

I gruppi privilegiano i prodotti provenienti da piccoli produttori locali per avere la possibilità di

conoscerli direttamente e per ridurre l’inquinamento e lo spreco di energia derivanti dal trasporto.

Inoltre si cercano prodotti biologici o ecologici che siano stati realizzati nel rispetto delle normative

per la tutela delle condizioni di lavoro.

I prezzi dei prodotti ottenuti grazie al potere contrattuale del GAS sono normalmente inferiori a

quelli della grande e piccola distribuzione, tuttavia ... il gas non è un supermercato né un negozio e

non si limita al mero sfruttamento degli aspetti economici e pratici; per parteciparvi bisogna anche

impegnarsi attivamente nel suo funzionamento!

Dare vita a un GAS significa voler fare la spesa in un altro modo, ma non solo per risparmiare

(acquistando in grandi quantitativi) e neppure solo per cercare la qualità e i sapori che non si

trovano sugli scaffali del supermercato.

2/6

Dietro l’acquisto in comune di beni e servizi, c’è l’idea di un modello di sviluppo economico più

umano, attento ai bisogni reali, rispettoso dell’ambiente e svincolato da un concetto di consumo

acritico e passivo, mettendo in discussione l’attuale sistema di libero mercato con le sue ingiustizie

e proponendo un’alternativa di acquisto valida ed etica.

IL POTERE DEL CONSUMATORE

Il semplice gesto quotidiano di fare la spesa racchiude profonde scelte sociali, economiche e

politiche.

Tale azione non è infatti priva di significato, un mero atto privato che riguarda il consumatore, i

suoi gusti, i suoi desideri, il suo portafoglio.

Come consumatori bisogna riappropriarsi della capacità - libera e non condizionata - di scelta dei

prodotti.

È quello che qualcuno definisce efficacemente come trasformazione da “consumatori” a “consum-

ATTORI”.

Principi generali di consumo critico

Acquistare e consumare prodotti etici e biologici con questi obiettivi:

SOSTENIBILITÀ: consumare bio contribuisce a non depauperare la ricchezza naturale del Pianeta,

e garantisce un consumo “sostenibile” nel tempo.

FILIERA CORTA: è quell’insieme di attività che prevedono un rapporto diretto fra produttori e

consumatori, singoli o organizzati, che “accorcia” il numero degli intermediari commerciali e

diminuisce il prezzo finale e riconosce il giusto margine al produttore.

RIAVVICINAMENTO AI RITMI NATURALI: significa privilegiare i prodotti di stagione dal

momento che i costi di produzione e di distribuzione di frutta e verdura fuori stagione sono

maggiori e l’apporto nutritivo è minore.

INFORMARSI E FORMARSI: capire la valenza politica di ogni acquisto e promuovere nei

componenti del gruppo la cultura del consumo critico incentiva una scelta libera e non condizionata

dei prodotti.

CULTURA E COLTURA: i prodotti locali spesso si accompagnano a colture e culture tradizionali

della propria zona; entrambe rischiano di scomparire sotto le spinte di uniformità del mercato

globale. Mangiare prodotti tradizionali è un modo per proteggere la biodiversità.

IMBALLAGGIO: vuoti a rendere, confezioni riciclabili, confezioni che utilizzano materiale

riciclato, sono tutti aspetti che spesso ci dimentichiamo di osservare e che invece hanno un costo da

pagare a livello sociale e ambientale.

AUTOPRODUZIONE: partendo dalle materie prime, si incentiva il recupero di attività ormai perse,

quale l’autoproduzione di pane (e affini), yogurt, torte, ravioli,...

3/6

GAS più GAS... INTERGAS

Quando in uno stesso territorio si vengono a formare più gruppi di acquisto solidale, nasce il

bisogno di fare rete, per allargare il circuito delle informazioni, gestire meglio i rapporti con i

produttori e portare avanti attività e iniziative che i singoli Gas non avrebbero la forza o la massa

critica necessaria per organizzare da soli: per esempio la diffusione e la promozione attraverso

incontri pubblici dei principi etici su cui è basato il consumo critico e solidale, l’organizzazione di

iniziative sociali e a sostegno dell’ambiente e delle realtà del territorio, l’acquisto collettivo di

prodotti che richiedono grandi quantitativi, l’organizzazione di seminari sull’autoproduzione, sulla

biodiversità, e altro ancora.

Da quest’anno , GAS PAVIA, GASTRONAUTI PAVIA, GAS BORGARELLO, GAS TORRE

D’ISOLA, GAS CAVA MANARA, GAS OLTREPO e GAS ZERBOLÒ stanno muovendo i primi

passi in questa direzione.

4/6

BIOPAVIA

La manifestazione, come detto, avrà lo scopo di diffondere i principi fin qui elencati attraverso

spunti di carattere culturale ma anche sensoriale con la possibilità di assaggiare i prodotti dei nostri

produttori, di partecipare a laboratori di autoproduzione, etc.

La manifestazione è articolata in tre aspetti:

1) conferenze

2) laboratori

3) mercato dei produttori e degustazioni

1) Le conferenze

In mattinata, alle h 10:00, si parlerà della tutela del suolo e di quelli che saranno i vantaggi sociali e

ambientali nel preservarlo dagli interventi dell’uomo finalizzati alla costruzione di opere più o

meno grandi.

Interverranno:

Mauro Boschini – Presidente dell’Associazione Comuni Virtuosi

Franco Maurici – Rappresentante di Italia Nostra

------------------ - Rappresentante del Comitato contro l’autostrada Broni-Mortara

Nicola Lamberti – Ex sindaco di Borgarello

Moderatore: Massimo De Paoli – Legambiente

Al pomeriggio, alle 15:00 si entrerà nel cuore della conoscenza dei Gruppi di Acquisto Solidale. Si

illustrerà la loro storia della loro nascita e la storia dei gruppi pavesi. Si parlerà di meccanismi di

funzionamento e di scelta dei fornitori, di principi, di etica e di solidarietà. Verranno raccontate

esperienze di progetti ed iniziative come il progetto “Pesce d’aprile” avviato e portato avanti con

l’intergas milanese ed una cooperativa di piccoli pescatori della toscana oppure la storia dalla

Cooperativa Agricola “Albero del Paradiso” di Catania che da anni è coinvolta nel Progetto

“Ailantos” grazie al quale vengono promossi alimenti coltivati in Sicilia nel massimo del rispetto

degli ecosistemi naturali, senza l’utilizzo di forzature, nel rispetto della stagionalità e scoraggiando

l’uso di concimi contenenti scarti di macellazione. I prodotti delle aziende che aderiscono al

progetto sono accompagnati da una scheda informativa su chi, dove e come ha coltivato e/o

trasformato il prodotto offerto.

Verrà presentata l’esperienza della Cooperativa Pavese Arkè che da qualche anno applica i principi

del consumo critico e consapevole nella gestione di mense scolastiche anche attraverso la

collaborazione con i detenuti del carcere di pavia con i quali ha avviato un progetto di orto in

carcere.

Il dibattito sarà moderato da Davide Castello, socio storico del GAS PAVIA.

Infine, alle 17:00 si affronterà un tema sicuramente poco conosciuto ai più, ovvero si parlerà di

finanza ma in un’ottica decisamente nuova, molto lontana dall’attuale logica speculativa che

domina nella finanza “tradizionale”. Si cercherà di dimostrare che esiste una “faccia buona” della

finanza, quella che investe in progetti solidali nel massimo della trasparenza.

5/6

Interverranno:

_ Ermanno Spinelli – esponente di MAG2, cooperativa lombarda che di occupa di finanza

mutualistica e solidale. Verrà esposto l’esperienza di finanza solidale a favore del

Biocaseificio Tomasoni relizzata con il contributo attivo dei GAS

_ Sergio Morelli – Vicepresidente di Banca Etica

_ Marco Di Giacomo – Senior Relationship Manager di Etica SGR, società di gestione del

risparmio che istituisce e promuove esclusivamente fondi comuni di investimento

socialmente responsabili

_ Chiara Spadaro – Giornalista di Altraeconomia

Modererà: Anna Ghezzi – Giornalista della Provincia Pavese.

2) I Laboratori

Come si vede dal programma, vi saranno laboratori dedicati ai bambini spesso incentrati sui

principio del riciclo/riutilizzo o sull’autoproduzione di giochi e strumenti musicali. Previsto

anche lo spettacolo di teatro “Mi manca l’aria”.

Gli adulti, parallelamente, saranno coinvolti in laboratori di autoproduzione della pasta madre,

del sapone, delle creme per il corpo o in laboratori di stampa e cucito di stoffe di recupero.

3) Mercatino dei produttori e degustazioni

In Piazza Petrarca saranno presenti numerosi fornitori dei GAS pronti a fornire tutte le informazioni

sulle loro aziende e a presentare e far degustare tutti i loro prodotti. I produttori di alimenti sono

prevalentemente certificati BIO.

Saranno presenti produttori di alimenti, di calzature, di abbigliamento e di prodotti per l’igiene della

casa e personale

Ampio spazio sarà dedicato al momento del pranzo preparato a cura della cooperativa Arkè con

materie prime dei fornitori dei gas e che prevederà un menù ricco ed invitante, adatto anche a

bambini e vegetariani. Ecco alcuni esempi: lasagne vegetariane, timballo di riso, tortino di alici

della Liguria e patate, arance della Sicilia, pane e dolci della cooperativa “Il convoglio”, salumi,

formaggi, vino, birra, succo di mela, ….e tanto altro.

Il Comitato Organizzatore

Info:

www.despavese.org

facebook.com/biopavia

6/6

ELENCO FORNITORI PRESENTI AL BIOPAVIA

Andi Fausto – Frazione Moriano 48 – Montù Beccaria (PV) –VINO

Azienda Agricola Andolfi Lauretta - via Valbona 12 Travaco Sicc. - PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI

Azienda Agricola Canedo - Frazione Pozzallo Romagnese (PV) –CARNE BOVINA

Birrificio Artigianale Gedeone – Via della Circonvallazione – 15050 Costa Vescovato (AL) - BIRRA

Cafe Commercio Equo – Corso Garibaldi 22/b– 27100 Pavia (PV) –PRODOTTI DEL COMMERCIO EQUO

Coop Sociale Raggio Verde onlus – Via Polle 54/b – 13836 Cossato (BI) – PRODOTTI DEL COMMERCIO

EQUO

Coop Valli Unite – Cascina Montesoro - Costa Vescovato (AL) –VINO SALUMI E TRASFORMATI

AGRICOLI

Daymons Naturalerbe Snc di De Luca Maria & C – Via Rocciamelone 11a 10134 Torino (TO)– IGIENE

DELLA PERSONA

Erbaromi - Az agricola Velò di F. Torre – fraz Profigate 17 – 15059 Monleale (AL) –PIANTE

AROMATICHE E OFFICINALI

Fattoria Sociale “La tera ad mes” Azienda agricola Volpi Enzo Kizito – Frazione Capoluogo 2 – 15050

Berzano di Tortona (AL)– VINO

Fitopreparazione Hierba Buena – via Sant'antonio 9A Veduggio con Colzano –COSMETICI E

DETERGENTI DA FITOPREPARAZIONE

Laboratorio Lavgon – Via Guarnoni 2 – Zinasco (PV) – ABITI E ACCESSORI

Paola Finetti – Loc. Cascinetta 36 – 15059 Volpedo (AL)

Albero del Paradiso soc cooperativa agricola – Via Gioberti 212 – 95042 Grammichele (CT) - AGRUMI,

OLIO, FRUTTA SECCA, MIELE, ZAFFERANO E ALTRI PRODOTTI SICILIANI

Altre Borse distribuito da Robe dell'Altro Mondo di Annarita Quaranta – via Garibaldi 116 – Camogli (GE) –

BORSE

Altre Scarpe / Bioworld – TEMPO BIOLOGICO DI GB BELOTTI – Via Martiri della Libertà 72 – 25035

Ospitaletto (BS) –SCARPE

Associazione Ad Gentes – Piazza Duomo 22 – 27100 Pavia – PRODOTTI DEL COMMERCIO EQUO

Associazione Culturale Gaia di Lana – Via al Piano 8 – 28817 Milazzina (VB) –MANUFATTI IN LANA

Astorflex – Ragioniamo con i piedi snc – Via dell'industria 9 – 16033 – Castel d'Ario (MN) –SCARPE

Az Agr Covassin Daniela – Via Colombera 22 – 27040 Mezzanino (PV) –PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI

Az Agr. Orlandini – Via Franchi 3 – 27100 Pavia (PV) – PASTA SECCA E FRESCA

Birrificio Pavese srl – Via Vigentina 11/19 – 27100 Pavia (PV) – BIRRA

Caffè Malatesta - Artigiana di Locatelli Jacopo Onorio – Via Ettore Monti 23 – 23851 Galbiate (LC) – CAFFE

Caseificio Tomasoni f.lli snc di Tomasoni Ottorino & c – Via Roma 30 – 25023 Gottolengo (BS) –

FORMAGGI E DERIVATI DEL LATTE

Cooperativa Sociale La Piracanta - Via Vercesi 2 – 27100 Pavia (PV) - ARTIGIANATO SOCIALE

Fattoria della Mandorla: Erbario Isabella d'Italia srl – Via belvedere sn – Toritto (BA) –MANDORLE E

DERIVATI

La Vecchia Posta di Semino Roberto – Via Montebello 2 – 15050 Avolasca (AL) –VINO

Panificio Bergamaschi - Via Manzoni, 22 Pavia - PANE E FOCACCElaspina e nella Sala dell’Annunciata.

Condividi

Allegati:
Scarica questo file (Volantino_BIOPAVIA_A4_A5.pdf)Volantino_BIOPAVIA_A4_A5.pdf[ ]914 kB