Ancora tagli alle risorse delle province

Il decreto che permetterà di rimborsare parte dei debiti accumulati dalla Pubblica Amministrazione nei confronti delle imprese porta con sé un risvolto pesantissimo per la Provincia di Pavia che si vede imporre un ulteriore taglio di trasferimenti, pari ad un milione di euro, che va ad aggiungersi a quello già operato di 22 mln ai danni dell’Ente.

La notizia arriva improvvisa in un momento delicato, al termine di un lavoro estremamente difficile di stesura del bilancio di previsione che, dopo attente valutazioni, aveva permesso di trovare ancora qualche risorsa per la manutenzione delle strade.  “L’ipotesi migliore è che il taglio di un milione di euro possa derivare da un errore materiale della Ragioniera di Stato, se così non fosse per noi sarebbe davvero un fatto molto preoccupante. Significherebbe stravolgere un bilancio che già a fatica siamo riusciti a costruire per rispondere alle numerose esigenze del territorio”, dice il Presidente della Provincia di Pavia, Daniele Bosone. Una situazione allarmante e insostenibile non solo per Pavia ma per molte province lombarde che lunedì si riuniranno nella sede milanese di UPL.

Inoltre, il Presidente Bosone chiederà un incontro con tutti i parlamentari della provincia di Pavia per sollecitare una correzione del decreto che, oltre a mettere a rischio la gestione dell’Ente,  presenta forti criticità e anche poca chiarezza per quanto riguarda il pagamento alle imprese.

 

 “Siamo ad una situazione paradossale e di stallo dalla quale si deve uscire urgentemente sia intervenendo sul decreto sblocca debiti sia in modo strutturale con una modifica delle regole che disciplinano il patto di stabilità interno”, conclude il Presidente.

Condividi