Pellicole di Primavera 2013

Con la rassegna “Pellicole di primavera” 2013 l’Assessorato ai Beni e alle Attività Culturali della Provincia, diretto da Milena D’Imperio, conferma la sua attenzione nei confronti del cinema e della sua indispensabile presenza nel tessuto sociale di una comunità. Intrecciandosi con le attività di divulgazione del cinema chela Provinciacura a livello territoriale, a cominciare dalla rassegna di cinema per le scuole, e con le altre rassegne che si organizzano a Pavia, la nostra proposta, articolata in cinque appuntamenti, integra e arricchisce il panorama dell’offerta cinematografica di qualità.

Un panorama che si è fatto vieppiù ricco e articolato, testimoniando una passione autentica che la Provinciastoricamente sostiene, con tenacia, nonostante la poco felice congiuntura finanziaria, grazie anche alla collaborazione istituzionale conla Regione Lombardia-Assessoratoalla Cultura, e quella conla CIE-Sale Cinematografichedi Pavia.

Cinque titoli – con gli ultimi due proposti con proiezione anche serale – per un percorso che parte con l’adolescenza, con L’estate di Giacomo, premiato a Locarno, del giovane e raffinato Alessandro Comodin, e che si conclude con Noi siamo infinito, appassionata esplorazione nella giovinezza di noi tutti, tratto dal romanzo cult americano di Stephen Chbosky. Cinque titoli di cui quattro italiani, a testimoniare la vitalità del nostro cinema, con film impegnativi, interessanti, discussi, anche aspramente (E la chiamano estate, viaggio cupo e spregiudicato in un eros malato, premio per la miglior regia all’ultimo Festival di Roma), che affrontano, da diversi punti di vista, tematiche di cocente attualità: Viva la libertà di Roberto Andò, con il “mostruoso” Toni Servillo, o Acciaio (ancora protagonista l’adolescenza), tratto dal premio Campiello Opera Prima di Silvia Avallone, che ci introduce nella Piombino delle acciaierie. Un viaggio cinematografico – grottesco, poetico, drammatico, ironico - nel nostro presente, che conferma  che nulla come il cinema è in grado di intuire, approfondire e svelare il reale.

 

Condividi

Allegati:
Scarica questo file (Pieghevole_retro.JPG)Pieghevole_retro.JPG[ ]517 kB