Orientamento e supporto per contrastare l’abbandono e la dispersione scolastica

L’Assessorato alle Politiche per lo sviluppo economico, Formazione professionale, Turismo e Semplificazione Amministrativa della Provincia di Pavia, d’intesa con il Centro Servizi Formazione di Pavia, l’Istituto Santachiara di Voghera e Stradella e il Consorzio AST di Vigevano (enti accreditati per l’erogazione di Servizi alla Formazione e al Lavoro del territorio provinciale pavese),  hanno dato il via ad un progetto – che per la prima volta mette in rete Pavese, Lomellina e Oltrepo - per contrastare la dispersione e l’abbandono scolastico.

 

Il progetto, nei tre territori della provincia di Pavia, vuole dar vita ad un “luogo” dove ogni adolescente o giovane in difficoltà con i propri percorsi scolastici possa trovare efficienti ed efficaci risposte ai dubbi, alle incapacità di decidere e di portare avanti gli impegni, alle carenze da colmare per riprendere il “cammino” intrapreso o da intraprendere in maniera diversa.

“L’abbandono e la dispersione scolastica sono problemi sociali complessi  - sottolinea l’Assessore Emanuela Marchiafava - in Italia il dato dell’abbandono scolastico precoce si attesta attorno al 19%, un dato che indica certamente un “malessere” del nostro sistema scolastico rispetto a quelli di altri Paesi europei. Di fronte a questi dati è necessario mettere in campo un approccio capace di comprendere la complessità del fenomeno, di avere una visione multidimensionale e di realizzare un’azione progettuale strategicamente orientata”.

Il problema della dispersione scolastica si impone come problema sociale di grande complessità, per il quale non possono esistere facili soluzioni o ricette politiche che vanno bene per qualsiasi contesto, territorio, tipologia di scuola e caratteristiche della famiglia di provenienza.

“Il grave problema sociale rappresentato dalla dispersione scolastica in Italia – prosegue l’Assessore - si presenta come un fenomeno che ha un carattere educativo, ma prima  ancora di natura sociale ed economico, con risvolti culturali ascrivibili al livello culturale della famiglia di provenienza degli studenti drop-out, poiché i dati dimostrano che coloro che lasciano la scuola in età precoce si concentrano maggiormente negli istituti professionali e tecnici e meno, invece, nei licei”. 

Si provvederà a presentare il progetto a tutte le scuole secondarie di I° e II° grado del territorio provinciale attraverso brochure e locandine, mail specifiche e con l’organizzazione di una Conferenza Stampa che darà risalto e vivacità all’azione da intraprendere.

Il progetto si svilupperà sull’intero territorio provinciale:

-         la sede del Centro Servizi Formazione di Pavia sarà il “luogo” della presa in carico, dell’orientamento e della condivisione di ogni singolo progetto per il “territorio pavese”;

-         le sedi  dell’Istituto Santachiara di Voghera e Stradella saranno il “luogo” della presa in carico, dell’orientamento e della condivisione di ogni singolo progetto per il “territorio oltrepo pavese”;

-         la sede dell’AST di Vigevano sarà il “luogo” della presa in carico, dell’orientamento e della condivisione di ogni singolo progetto per il “territorio lomellino”.

Le attività di sostegno scolastico, di inserimento o reinserimento scolastico saranno realizzate, sui territori di appartenenza dei destinatari e anche nelle sedi delle Scuole aderenti al progetto.

Il progetto si realizzerà dal 1° marzo 2013 al 31 gennaio 2014. Nel mese di settembre 2013, dopo una fase di verifica e di monitoraggio delle azioni progettuali, si prenderà in considerazione l’opportunità di far proseguire il progetto fino al 30 giugno 2014 con l’allocazione, da parte della Provincia di Pavia, di apposite risorse economiche e professionali.  

In allegato il Progetto

Condividi

Allegati:
Scarica questo file (LOCANDINA_AESL_Layout 1.pdf)Locandina Aesl[ ]503 kB
Scarica questo file (progetto AESL.pdf)progetto AESL.pdf[ ]140 kB