Si lavora al bilancio 2013

Nel corso del 2012 la Provincia di Pavia ha dovuto operare un taglio di 7 milioni di Euro sul proprio bilancio che ha permesso il rispetto del Patto di Stabilità. Tuttavia, il Governo ha previsto per la Provincia di Pavia un ulteriore taglio di circa 17 mln di euro per il 2013.

 

 Alla luce di questo gli uffici dell’Ente stanno prevedendo un bilancio di esercizio per l’anno in corso completamente rivisitato, all’insegna di una gestione di assoluta ordinarietà; si delinea in pratica un esercizio transitorio verso il processo di riordino delle province previsto dalla legge di stabilità (legge 288/2012) con la progressiva cessione delle funzioni e la trasformazione in organismo di coordinamento territoriale eletto dai sindaci

In questa fase di incertezza normativa e di gestione transitoria si impone quest’anno, oltre all’impossibilità di ulteriori nuovi investimenti o spese straordinarie, la necessità di interventi aggiuntivi di riduzione della spesa di funzionamento dell’Ente, compresi costi per la struttura politica e interventi sulla struttura organizzativa dell’Ente. In particolare, a decorrere da gennaio 2013, sono stati azzerate per tutta la giunta le spese per missioni e di rappresentanza, oltre ai rimborsi chilometrici non squisitamente previsti dalla legge.

 

Condividi