“Altrimenti…siamo fritti”, 6600 ragazzi al lavoro per “educare” le loro famiglie e migliorare la raccolta differenziata

Nell’ambito del progetto “Altrimenti siamo..fritti” promosso da Provincia di Pavia – Assessorato all’Ecologia e alle Politiche ambientali in collaborazione con Legambiente Pavia, Italia Nostra Pavia, Pocket Service SNC. Amministrazioni Comunali, Ufficio Scolastico Provinciale, Fondazione Banca del Monte di Lombardia e Reti delle Scuole Primarie della Provincia di Pavia viene indetto un concorso a premi rivolto agli alunni delle scuole primarie e secondarie di primo grado. Il progetto - rivolto alle scuole con l’ obiettivo di sensibilizzare le giovani generazioni sul tema della raccolta degli oli esausti e degli oli vegetali da friggitura - sta coinvolgendo 6600 ragazzi, 285 classi e 380 insegnanti.

 

Gli alunni delle scuole aderenti al progetto, con la guida degli insegnanti, sono invitati a produrre elaborati sulle tematiche affrontate dal progetto che consentano di testimoniare con originalità l’impegno della scuola ad approfondire il tema della salvaguardia dell’ambiente. Il progetto, che prevede diversi momenti ludici e didattici, si concluderà con la premiazione dei primi tre plessi che avranno raccolto la maggiore quantità di olio, percentualmente rapportato al numero degli alunni frequentanti il plesso, con l’assegnazione di premi in materiale didattico del valore di € 2000 al primo, € 1500 al secondo, € 1000 al terzo classificato. E’ inoltre prevista per le classi partecipanti l’assegnazione di altri due premi in materiale didattico del valore di € 1500 ciascuno, per la realizzazione di una mascotte animata e di uno slogan significativo e rispondente alle tematiche del progetto.

“Altrimenti siamo…fritti” ha raccolto anche l’apprezzamento del Presidente del Consorzio Obbligatorio Nazionale di raccolta oli esausti, Tommaso Campanile: “ Iniziative di questa natura – ha detto – se replicate in campo nazionale potrebbero avere significativi risultati ed evitare così danni ambientali di incalcolabile rilevanza”. “Il progetto – sottolinea l’Assessore alle Politiche Ambientali, Alberto Lasagna – coinvolge 6600 alunni dell’intera provincia. Si tratta di un numero davvero rilevante di partecipanti ai quali si è potuti arrivare grazie all’importante collaborazione che si è creata tra volontariato, privati, istituzioni e fondazioni bancarie Attraverso i ragazzi puntiamo a sensibilizzare e a cambiare le abitudini delle famiglie in materia di raccolta differenziata”.

 “Lo smaltimento degli oli vegetali esausti, ovvero i residui degli oli utilizzati per usi alimentari domestici che solitamente vengono smaltiti attraverso la rete fognaria, è un tema purtroppo sottovalutato. Manca un’adeguata informazione sui danni che derivano all’ambiente da uno scorretto smaltimento, da tanti gesti quotidiani di cui spesso non conosciamo le conseguenza e che risultano nocivi per l’equilibrio ecologico del territorio - continua l’Assessore all’Ambiente Alberto Lasagna-. “Eppure questi rifiuti da problema possono diventare risorsa. Da un chilo di olio vegetale esausto, infatti, si ricavano 0,8 chili di base lubrificante recuperato; un risparmio energetico non trascurabile se si pensa che l’alternativa è rappresentata da olio minerale sintetico derivante da prodotti petroliferi”.

La Provincia di Pavia, con il progetto “Altrimenti siamo…fritti” parteciperà a Rimini alla prossima edizione di Ecomondo, Fiera internazionale del recupero di materia ed energia e dello sviluppo sostenibile

 

 

Condividi