16ma Giornata Nazionale della Colletta Alimentare

Sabato 24 novembre i volontari del Banco Alimentare in 48 supermercati della nostra provincia inviteranno a donare alimenti a lunga conservazione  (olio – alimenti per l’infanzia – scatolame (pesce, carne, legumi, pelati e sughi) che verranno distribuiti a strutture caritative: mense per i poveri, comunità per minori, banchi di solidarietà, centri d’accoglienza.  Tra i volontari che doneranno parte del loro tempo per questa iniziativa in un supermercato della città di Pavia anche il Presidente della Provincia di Pavia, Daniele Bosone,  il consigliere provinciale Roberto Calabrò e il Capo di Gabinetto, Davide Lazzari.

“La Giornata della Colletta Alimentare -  sono le parole di Daniele Bosone, Presidente della Provincia di Pavia, è un importante appuntamento che ci richiama alla condivisione e che, ancora più in questo momento di grande difficoltà economica, ci sensibilizza all’aiuto verso chi ha bisogno. La mia partecipazione sabato prossimo alla Giornata è anche per dire grazie ai tanti volontari, soprattutto giovani, che dedicheranno il loro tempo a questa iniziativa e ai tanti donatori che anche quest’anno faranno un gesto di generosità.  Siamo una provincia dal cuore grande”.

 “Anche nella nostra provincia, la crisi economica in cui versa il Paese ha fatto aumentare la richiesta di aiuto da parte di un numero crescente di persone indigenti che hanno dovuto rivolgersi alle strutture caritative presenti. Il lavoro dei volontari ha consentito di passare, in Pavia e provincia, dalle 15 tonnellate del 1997, prima edizione della Colletta, alle 71 dello scorso anno. Alimenti che vanno ad integrare quanto la nostra Rete recupera grazie alla sua attività quotidiana combattendo lo spreco di cibo. Quest’anno, come non mai, c’è bisogno di ancora più generosità”, spiega Carlo Grignani responsabile provinciale Banco Alimentare.

 “La Giornata di sabato prossimo è possibile grazie a migliaia di volontari –  dice Gianluigi Valerin, presidente del Banco Alimentare della Lombardia –  che vedono nel  gesto della Colletta Alimentare un gesto di gratuità che fa bene anzitutto a sé perché ridà speranza e significato a ciò che facciamo ogni giorno. E’ un gesto che coinvolge non solo i privati ma anche le aziende, che sempre di più vi si coinvolgono. La Colletta è un gesto che inizia davanti a un supermercato e chiede  continuità per tutto l’anno. Accade spesso che chi ci incontra alla Giornata della Colletta non ci abbandoni più, torni l’anno successivo, oppure venga da noi - quasi a tornare dove si è visto qualcosa di bene - ad aiutarci gratuitamente come volontario al magazzino Banco Alimentare della Lombardia.”

Condividi