Lo stemma della Provincia di Pavia

La prima immagine dell’Italia? La bandiera tricolore. Quella dell’Europa? La bandiera a sfondo blu con stelle gialle. E la prima immagine del nostro territorio? Lo stemma della Provincia, allegato allo statuto dell’Amministrazione, oggi oggetto di una significativa operazione di restyling grafico. “Come sono orgogliosa della bandiera nazionale e di quella comunitaria, – spiega l’Assessore al Turismo e Semplificazione Amministrativa Emanuela Marchiafava – sono orgogliosa anche dello stemma della nostra Provincia.

 

Esso racconta la nostra storia secolare; definisce la nostra identità; rappresenta il simbolo della nostra appartenenza territoriale.

Per questo, abbiamo voluto procedere ad un restyling grafico dello stemma, realizzando una operazione di semplificazione amministrativa che coniuga la modernizzazione al pieno rispetto delle regole araldiche nazionali che hanno il loro fondamento nella descrizione letterale dello stemma”.

 Lo stemma, come la bandiera, riveste un forte valore simbolico. Come la bandiera della Repubblica Italiana, il nostro stemma deve essere univoco, sempre identico a sé stesso.

 “Invece, da una ricognizione – continua l’Assessore Marchiafava – è risultato che gli uffici utilizzavano ben 25 versioni differenti dello stemma, e sappiamo bene come la varietà, nella riproduzione dello stemma, ne impoverisca il valore”.

 L’operazione di restyling grafico del nostro stemma, voluta dalla Giunta ed approvata poi in Consiglio provinciale, ha realizzato sia la semplificazione grafica dei disegni, finalizzata ad un utilizzo più agevole, sia il parziale recepimento dell’origine storica comunale degli stemmi, inquartati nello Stemma generale della Provincia, senza modificare in modo saliente la sua immagine consolidata nel tempo. Anche il nome che accompagna lo stemma “Provincia di Pavia”, che non è normato, è stato oggetto di studio grafico : la novità è rappresentata da un forte segno grafico blu che accompagnerà la scritta, mentre un altro tratto blu sarà inserito sotto la preposizione “di”. ( come si vede nell’intestazione )

 “L’operazione di armonizzazione grafica dello stemma – precisa l’Assessore Marchiafava – ci consente di utilizzarlo anche come vero e proprio marchio, nella promozione territoriale”.

 Niente sprechi, però. Il materiale cartaceo con la vecchia versione dello stemma non verrà buttato, ma utilizzato fino al suo esaurimento.

 “Voglio sperare – conclude l’Assessore Marchiafava - che la rivisitazione dello stemma sia di buon auspicio per il futuro della Provincia di Pavia, una delle tre, in Lombardia, a mantenere la sua indipendenza e a non subire il riordino”.

Condividi

Allegati:
Scarica questo file (stemma prov pdf.pdf)stemma prov pdf.pdf[ ]137 kB