"Finalmente prevale il buon senso"

“Condivido pienamente la nota che il Dirigente dell’Ufficio Scolastico, Giuseppe Bonelli, ha inviato oggi alle scuole, alla Provincia e ai Comuni in merito alla frequenza della mensa scolastica e che sottolinea come il momento della refezione sia occasione di formazione e di convivenza”, dice l’Assessore Francesco Brendolise. Eventuali inadempienze delle famiglie non devono diventare occasione di discriminazione tra alunni. E neppure deve passare in secondo piano il progetto formativo che sta alla base, nelle scuole primarie, dell’offerta formativa a tempo pieno.

 

 

“Finalmente – prosegue Brendolise - prevalgono il buon senso e la chiarezza su questa scandalosa vicenda che ha coinvolto prima il Comune di Vigevano e successivamente altre comuni pavesi. Auspico che gli enti locali, in una ottica di collaborazione, seguano le indicazioni suggerite dal Dirigente Bonelli. La possibilità di trovare spazi per i bambini che pur non usufruendo della mensa intendano rimanere nei locali scolastici mi sembra una proposta più che ragionevole. Come pure la necessità di salvaguardare il diritto alla riservatezza delle famiglie, senza una inutile rivalsa sugli alunni”.

 “Precisato questo c’è uno specifico dovere in capo alle famiglie ed è giusto che i Comuni facciano tutto il possibile per far pagare il servizio mensa; non sono d’accordo invece con chi intende accanirsi sulle fasce più deboli”

 

Condividi