Iniziato il Corso ITS

Ha preso il via il 3 ottobre il nuovo anno scolastico del corso ITS che forma tecnici superiori per l’innovazione e la qualità delle abitazioni, figure estremamente qualificate, ad alto contenuto innovativo e specialistico.  Nell’ambito dei progetti della Fondazione “Pavia città della Formazione”, voluta e sostenuta dalla Provincia, che è uno dei soci fondatori, questo corso è davvero un tassello rilevante dell’offerta formativa sul nostro territorio.

“Si tratta, infatti, dell’unico percorso formativo del terzo grado d’istruzione superiore attivo in provincia di Pavia. A numero chiuso, offre a 25 studenti selezionati – dichiara l’Assessore allo Sviluppo Economico e Formazione Emanuela Marchiafava – 1800 ore complessive di formazione biennale, comprensive di aula, laboratori, stage aziendali, grazie alla quali gli studenti acquisiranno competenze molto specifiche, inclusa tra l’altro la gestione del rischio sismico, un argomento purtroppo di stretta attualità, che promette però di pensare con fiducia ad un loro inserimento diretto e qualificato nel mondo del lavoro, dove queste competenze ancora sono scarsamente presenti.“

“La presenza dell’ITS “Tecnico Superiore per l'innovazione e la qualità delle Abitazioni” concorre a riallineare il sistema della formazione con il mondo del lavoro” – sostiene l’Assessore allo Sviluppo Economico e alla Formazione Emanuela Marchiafava - perché realizza un percorso formativo qualificato e specialistico coerente con le esigenze di un mercato del lavoro complesso e stratificato, che richiede nuove competenze e ricerca giovani che, fin dall’inizio della loro vita lavorativa, siano portatori di una preparazione tecnica e specialistica concorrenziale”.

Il terzo grado d’istruzione superiore è già da molti anni una realtà in moltissimi paesi della Comunità Europea, mentre in Italia è stato introdotto solo da pochi anni, sono stati avviati cinquantotto Istituti Tecnici Superiori.

“Crediamo importante, precisa ancora l’Assessore Marchiafava, offrire ai giovani del nostro territorio ma non solo, l’opportunità di completare la loro formazione professionale con l’acquisizione di competenze di cui già c’è richiesta dal settore industriale delle costruzioni, nelle imprese di produzione di semilavorati per l’edilizia, nei laboratori di prova, nei servizi di pubblica utilità, quali i Vigili del Fuoco o la Protezione Civile”.

Condividi