Forum della Cooperazione Internazionale

L’ Assessore Francesco Brendolise parteciperà al Forum della cooperazione internazionale che si terrà a Milano l’ 1 e 2 ottobre prossimi. Si tratta di un appuntamento pubblico che farà incontrare gli esperti, i giovani e gli attori della cooperazione allo sviluppo con le più alte cariche dello Stato e con i Ministri europei e dei paesi del Sud del mondo. L'obiettivo del Forum è di far incontrare i soggetti interessati  alla valorizzazione della cooperazione allo sviluppo quale elemento centrale di rilancio del profilo internazionale dell'Italia.

 

E' in corso un percorso partecipativo che vede la Provincia di Pavia impegnata nel promuovere la nascita di una associazione di Comuni e soggetti del Terzo settore per consolidare la rete territoriale provinciale per la cooperazione internazionale allo sviluppo. “Questa azione – spiega l’Assessore – si inserisce in una più ampia strategia che stiamo condividendo a livello nazionale con le altre reti regionali e provinciali per migliorare la presenza della cooperazione italiana nel mondo”.

Nella giornata del Forum l’Assessore Brendolise parteciperà ad un incontro mirato al consolidamento delle collaborazioni tra le reti territoriali di cooperazione allo sviluppo già operative in Italia tra le quali Felcos Umbria (Fondo di Enti Locali per la cooperazione decentrata e lo Sviluppo umano sostenibile), FPMCI (Fondo Provinciale Milanese per la cooperazione Internazionale), ALCI (Associazione lodigiana per la cooperazione internazionale), Associazione comasca per la cooperazione internazionale, Fondo Provinciale di Sassari per la Cooperazione Internazionale e Fondo Provinciale di Nuoro per la Cooperazione Internazionale presto affiancate dalle costituendi reti provinciali di Torino e Napoli.

 

“E’ mia intenzione –  spiega l’Assessore Brendolise – proporre anche la creazione di un fondo presso l’Azienda speciale provinciale per la gestione del servizio idrico a favore di progetti di cooperazione internazionale al fine di favorire l’infrastrutturazione e l’approvvigionamento idrico nei Paesi in via di sviluppo che si alimenti attraverso l’inserimento in tariffa di un prelievo di un 1 centesimo di euro per ogni mq di acqua consumato, pari a circa 2 euro all’anno a famiglia”.

Alla conclusione del Forum verrà presentato il "Patto nazionale per la nuova cooperazione allo sviluppo", un manifesto d'intenti con lo scopo di tracciare nuove direttive per una ripresa quantitativa e qualitativa della cooperazione italiana.

Condividi