Alla Sala dell'Annunciata la storia di un partigiano

Sabato 22 settembre 2012, alle ore 10.00, presso la Sala dell’Annunciata, P.zza Petrarca 4 - Pavia presentazione del libro di Claudia e Maurizio Gastaldi e Luigi Lia “Perché resistemmo, perché resistiamo: vita e impegno civile di Gildo Gastaldi”. Ne discutono: sen. Giorgio Benvenuto, presidente Fondazione Bruno Buozzi; sen. Daniele Bosone, Presidente Provincia di Pavia;  Luigi Lia, autore; Danilo Margaritella, segretario UILCA Lombardia; Alessia Potecchi, presidente Circolo Walter Sabbadine e l’on. Virginio Rognoni, già Ministro della Repubblica.  Al termine sarà offerto un aperitivo.

 

Dalla quarta di copertina:

L’uomo di cui vogliamo parlare è Gildo Gastaldi, nato nel 1907, adolescente quando l’Italia conobbe l’esperienza del fascismo. Fu un intellettuale, uno scienziato, si occupò di neurologia e di psichiatria: ebbe un’importante carriera universitaria, ma non si chiuse dentro l’accademia. Non fu indifferente a quanto stava accadendo in quegli anni, non restò impassibile di fronte al fascismo, prese posizione e partecipò alla Resistenza. Guidò il Comitato di Liberazione provinciale di Pavia, aderì al Partito d’Azione e al movimento di Giustizia e Libertà condividendone la tensione etica antifascista, lo spirito laico e riformista, l’impostazione non ideologica e antidogmatica. [...]  la memoria di una biografia individuale ci consente di ricostruire, anche attraverso il ricordo affettuoso e intimo di una vita privata e familiare, la trama di una memoria collettiva. In questo modo riusciamo forse ancora ad ascoltare i suoni e le parole di una lingua amica che ci parla di impegno civile, libertà, giustizia, pari opportunità, partecipazione democratica, onestà intellettuale: vocaboli e principi che vorremmo conservare per resistere a un presente difficile e consegnare alle generazioni che verranno.

 

Condividi