La Provincia di Pavia ad Eurobike 2012

   Dal 29 agosto al 1 settembre 2012 a Friedrichshafen si danno appuntamento i grandi buyer e leader del mercato delle due ruote, ma anche esperti del settore, giornalisti e appassionati del turismo lento. La Provincia di Pavia partecipa a questo importante appuntamento in Germania con i propri itinerari storici, culturali, naturalistici ed enogastronomici da vivere e attraversare in bicicletta.

 

Tra i percorsi promossi per le due ruote quello della Via Francigena, oggetto tra l’altro di una recente pubblicazione da parte dell’assessorato al Turismo con la proposta di tre itinerari percorribili sia in mountain bike che con city- bike: 126 chilometri percorribili in tre grandi tappe ( Palestro – Tromello; Tromello – Pavia; Pavia – Chignolo Po, frazione di Lambrinia). 

Emanuela Marchiafava, Assessore al Turismo della Provincia, spiega così la scelta di presentare al mondo dei cicloamatori il nostro territorio nelle sue innumerevoli declinazioni: “Gli organizzatori – dice - prevedono l’arrivo di oltre 40.000 visitatori specializzati e di 1.800 giornalisti provenienti da 36 Paesi. Credo sia, questa Fiera, una vetrina davvero straordinaria per il nostro territorio vocato al turismo lento grazie all’offerta di bellissimi itinerari storico- culturali ma anche strade del gusto, navigazioni fluviali, parchi, terme”.

La conferma della politica di un turismo sostenibile promosso dalla Provincia di Pavia arriva anche dal progetto di intermodalità bici / barca, che a breve sarà presentato ufficialmente alla stampa, per scoprire il territorio pavese e i suoi fiumi lungo itinerari che da Certosa di Pavia arrivano a Chignolo Po.

 “Il nostro territorio può offrire tutto ciò che un ciclista desidera. Percorsi piani o con dislivelli, a seconda delle proprie esigenze, una buona cucina e paesaggi suggestivi. Itinerari piacevoli, anche perché poco trafficati, che noi vogliamo far conoscere. Certo, c’è ancora molto da fare per ottimizzare l’offerta turistica, ma il lavoro che stiamo portando avanti ci può far dire che siamo già sulla buona strada per offrire ai ciclisti proposte di tour interessanti. E questo è proprio ciò che faremo a Eurobike”, conclude l’Assessore Marchiafava

Condividi