Approvato l'addestramento dei cani per la caccia

La Giunta della Provincia di Pavia, su proposta dell’assessore alle Politiche Ambientali, Riserve Naturali e Pianificazione Faunistica Alberto Lasagna, ha approvato l’attività venatoria di allenamento e addestramento dei cani sul territorio provinciale dall’11 agosto 2012 fino all’apertura generale della caccia, per cinque giornate settimanali con eccezione del martedì e del venerdì e nelle zone a protezione speciale dove sarà possibile dal 1 settembre.

 

“L’attività venatoria di allenamento e addestramento dei canispiega l’assessore - è disciplinata dalle Province, è consentita sull’intero territorio regionale non soggetto a divieto di caccia e può essere esercitata, non prima del 1° agosto, per cinque giornate settimanali con eccezione del martedì e del venerdì, ma l’allenamento non è consentito nelle aree interessate dalle produzioni agricole”.

La Giunta ha ritenuto opportuno prevedere l’attività venatoria di allenamento e addestramento dei cani dalla data dell’11 agosto 2012 fino all’apertura generale della caccia, in quanto tale attività risulta compatibile con la valenza faunistica del territorio provinciale, nel rispetto della tutela delle produzioni agricole e dell’equilibrio ambientale.

“Tale disposizioneconclude l’assessore Lasagna - consentirebbe la possibilità di addestrare ed allenare i cani, anticipando di 7 giorni il periodo stabilito dalla precedente normativa, non comportando una ricaduta negativa sulle popolazioni di fauna selvatica”.

Riccardo Fiamberti, presidente della Commissione Agricoltura, non nasconde la soddisfazione per questa decisione: “Pur non essendo un cacciatoreammettesono un forte sostenitore della cinofilia. Il cane è la vera forza della caccia, e addestrare questi animali un mese prima nelle stesse zone di caccia, è una cosa estremamente positiva, per i cani stessi e per i cacciatori”.

Condividi