Interventi per l'integrazione scolastica di studenti non vedenti e ipovedenti

E’ dal 1975 che la Provincia di Pavia ha avviato interventi per favorire l’integrazione scolastica degli studenti non vedenti ed ipovedenti. Con il passare degli anni, grazie al lavoro di “tecnici della riabilitazione dei non vedenti” queste azioni si sono trasformate in un vero e proprio servizio di consulenza, oltre che di sensibilizzazione ed educazione sensoriale.

 

Nell’anno scolastico 2011-12 sono 27 gli studenti seguiti dalla Provincia di Pavia: 3 (infanzia), 15 (primaria), 5 (secondaria 1°), 4 (secondaria 2°). Di questi,  7 sono ciechi assoluti, 5 con residuo visivo e 15 ipovedenti.

A loro sono stati rivolti una serie di servizi finalizzati a facilitare l’integrazione di alunni con minoranze visive.

La novità dell’anno scolastico che si è da poco concluso è stata l’avvio di una sperimentazione importante in collaborazione con Regione Lombardia che ha visto – per la prima volta nella nostra provincia – una studentessa utilizzare il computer e braille di digitale in campo matematico .

Il LAMBDA (ndr “Linear Access to Mathematics for Braille Device and Audio- synthesis”) è un sistema di scrittura matematica per computer progettato espressamente per l'uso con display Braille e sintesi vocale. Si tratta di un progetto innovativo – spiega l’assessore alle Politiche per la Coesione sociale Francesco Brendoliseche punta a colmare il pesante ritardo nell'accesso agli studi scientifici da parte di intere generazioni di disabili visivi. L'uso del computer, infatti, oggi è molto diffuso tra gli studenti ciechi ma ancora segna il passo proprio nel campo della matematica”.

La Provincia di Pavia, intanto, guarda già al prossimo anno scolastico. Saranno una trentina gli studenti da seguire e per molti di loro si renderà necessario l’affiancamento di un lettore, la trascrizione di libri di testo in braille o a grandi lettere, oltre a registrazioni audio. L’impegno riguarderà anche le figure professionali che interverranno a favore degli studenti alle quali la Provincia di Pavia garantirà un supporto tecnico specialistico.

Condividi