Generazione Web

Tutti i 20 istituti superiori della Provincia di Pavia, oltre a due centri formativi, partecipano al bando “Generazione Web” promosso da Regione Lombardia . Una adesione completa che ha regalato alla Vice Presidente Milena D’Imperio la soddisfazione di ricevere, per il ruolo di coordinamento e stimolo avuto all’interno del mondo scolastico pavese, i complimenti dell’assessore regionale all’Istruzione Valentina Aprea. “Al momento siamo in Lombardia l’unica provincia che partecipa in modo compatto a questo progetto. Per me è una grande soddisfazione vedere le nostre scuole desiderose di proiettarsi al futuro guardando alle nuove tecnologie come principale strumento didattico”, commenta Milena D’Imperio, Assessore all’Innovazione Tecnologica e alle Politiche Giovanili.

 

Generazione Web coinvolgerà circa 25 mila studenti lombardi delle prime e terze superiori, incluse le paritarie e gli Istituti di Formazione professionale. L’iniziativa prevede che dal prossimo anno scolastico per mille classi delle scuole superiori l’abbandono dei libri su supporto cartaceo e l’utilizzo di manuali esclusivamente in versione digitale (gli e-book) che potranno consultare tramite netbook o tablet, il cui acquisto è finanziato da Regione Lombardia e Ministero per l'Istruzione, Università e Ricerca . Per partecipare al bando le scuole, dotate di infrastrutture tecnologiche adeguate - come la banda larga e il wi-fi - e di docenti con esperienza nell'utilizzo degli strumenti informatici, hanno dunque già deliberato l'adozione di soli libri digitali o materiali didattici interattivi.  “Finalmente i nostri istituti si stanno avviando verso la didattica digitale. Questo significa una scuola più vicina ai modelli europei, più accessibile e interessante per le nuove generazioni. Ma anche una scuola meno cara per le famiglie: i libri digitali, infatti, costano mediamente il 30% in meno dei testi cartacei”, conclude il Vice Presidente. Il 9 luglio è la data di scadenza del Bando. Entro i quindici giorni successivi si conoscerà la graduatoria dei progetti ammessi al finanziamento: per ogni singola classe il contributo massimo non potrà superare i 10mila euro.

Condividi