Arriva la “Dote Impresa” per la formazione degli imprenditori

Sostenere il riposizionamento competitivo delle micro e piccole imprese lombarde con la formazione personalizzata per il consolidamento delle competenze degli imprenditori. "In pratica questa iniziativaspiega Emanuela Marchiafava, Assessore alle Politiche per lo sviluppo economico, Formazione professionale e Turismo - finanzia interventi formativi personalizzati per il consolidamento e lo sviluppo delle competenze degli imprenditori, titolari e loro soci, collaboratori o coadiuvanti di impresa familiare o commerciale, di imprese con sede operativa in Lombardia da 0 a 49 dipendenti, iscritte alla Camera di Commercio”.

 

 Destinatari - Possono accedere alla dote gli imprenditori (e i loro collaboratori o coadiuvanti nel caso di impresa familiare o commerciale) titolari di micro e piccole imprese (da 0 a 49 dipendenti) con sede operativa in Lombardia e costituite da almeno 6 mesi prima della data di approvazione del presente avviso, fatta eccezione che per le neo imprese rilevate o costituite da lavoratori provenienti da situazioni di crisi aziendali, costituite anteriormente alla data di approvazione del presente avviso.

Soggetti coinvolti - Possono erogare la formazione gli operatori accreditati ai servizi formativi, università e consorzi universitari o altre istituzioni formative che hanno nel proprio statuto la formazione come attività prevalente e sono in possesso della certificazione UNI EN ISO 9001:2008, settore EA37.

Caratteristiche della dote - La dote è fruita attraverso lo strumento del voucher aziendale, che è assegnato all’azienda per la formazione dell’imprenditore ed, eventualmente, dei suoi collaboratori per la fruizione di servizi formativi che possono colmare i bisogni di maggiore competitività dell’azienda. La dote aziendale prevede il riconoscimento dei soli costi di frequenza alle attività formative fino all’70% della spesa sostenuta e, comunque, fino all’importo massimo di € 5.000,00. L’IVA detraibile da parte dell’impresa non può essere rimborsata e non può rappresentare un costo ammissibile; il contributo è erogato in regime de minimis, ex Regolamento (CE) n. 1998/06.

“La dote, una sola per impresa – precisa l’assessore Marchiafava - è fruita attraverso lo strumento del voucher aziendale. Essa è assegnata all’impresa per la forma­zione dell’imprenditore ed, eventualmente, dei collaboratori o coadiuvanti delle imprese familiari e commerciali, valorizzando quindi l’imprenditore e il suo diritto ad accedere alle opportunità formative più adeguate alle proprie caratteristiche ed esigenze di business”.

Presentazione della domanda - La domanda di dote aziendale può essere presentata già ora fino ad esaurimento delle risorse disponibili. Per qualsiasi chiarimento o informazione è possibile rivolgersi alla U.O. Lavoro - D.G. Occupazione e politiche del lavoro Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L’iniziativa riguarda tutti i settori produttivi escluse le aziende appartenenti ai settori esclusi dal Regolamento (CE) n. 1998/2006 relativo all’applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d’importanza minore («de minimis»).

Le imprese escluse sono quelle dei settori:

05 “Pesca, piscicoltura e servizi connessi” (tutta la divisione, ad eccezione del gruppo

05.03 “Attività dei servizi connessi alla pesca e alla piscicoltura”)

01 “Agricoltura, caccia e relativi servizi” (tutta la divisione, ad eccezione dei seguenti

gruppi, classi e categorie):

01.41.1 “Esercizio e noleggio di mezzi e macchine agricole per conto terzi, con

personale”;

01.41.2 “Approvvigionamento e distribuzione di mezzi tecnici necessari

all’esercizio dell’agricoltura”;

01.41.3 “Raccolta, prima lavorazione, conservazione di prodotti agricoli e altre

attività dei servizi connessi all’agricoltura svolti per conto terzi (esclusa

trasformazione)”;

01.42 “Attività dei servizi connessi all’allevamento del bestiame, esclusi i servizi

veterinari”;

01.5 “Caccia e cattura di animali per allevamento e ripopolamento di selvaggina,

compresi i servizi connessi”.

10.1 “Estrazione ed agglomerazione di carbon fossile” (tutto il gruppo);

10.2 “Estrazione ed agglomerazione di liquide” (tutto il gruppo);

10.3 “Estrazione ed agglomerazione di torba” (tutto il gruppo);

23.1 “Fabbricazione di prodotti di cokeria” (tutto il gruppo).

Condividi