Prosegue l'aggiornamento della Guida Provinciale per la "Segnalazione Certificata di Inizio Attività"

Martedì 8 maggio si terrà una nuova riunione del Gruppo di lavoro che si occupa dell’aggiornamento della Guida per la “Segnalazione Certificata di Inizio Attività”. La Provincia di Pavia è all’avanguardia in Italia e nelle “buone prassi” di Regione Lombardia per questo indispensabile strumento di lavoro, che riguarda ogni attività produttiva, artigianale, commerciale e industriale.

 

 Ma che cos’è e a cosa serve la Segnalazione Certificata di Inizio Attività?

Questo indispensabile strumento favorisce la semplificazione amministrativa e facilita le imprese, i comuni e i professionisti nella predisposizione della documentazione tecnica da presentare allo Sportello Unico per le Attività Produttive: con questi obiettivi, con il coordinamento dell’Assessore alle Politiche per lo sviluppo economico e Formazione professionale della Provincia di Pavia, Emanuela Marchiafava, il gruppo di lavoro ha deciso di proseguire l’attività di aggiornamento della Guida provinciale alla compilazione della SCIA.

A maggio si riuniranno il settore Sviluppo Economico della Provincia, le associazioni di categoria dei commercianti e degli artigiani, gli industriali, la Camera di Commercio, l’Asl e gli Sportelli Unici della provincia per aggiornare tutta la modulistica relativa agli esercizi artigianali e commerciali riguardanti le lavanderie e le attività di acconciatore ed estetista.

Il Gruppo di lavoro SCIA – composto da tutti gli Sportelli Unici più rappresentativi del territorio, dalla CCIAA di Pavia, dalla Sede Territoriale Regionale di Pavia, dalle associazioni di categoria (Commercianti, Artigiani e Unione Industriali), ASL, ArpaLombardia, Vigili del Fuoco e dal Settore Ambiente della Provincia di Pavia - ha affrontato le criticità relative al funzionamento e all’utilizzo degli applicativi telematici, le problematiche connesse alla pianificazione delle attività da porre in essere per l’aggiornamento normativo alla “Guida per la compilazione della SCIA” e le difficoltà per gli Sportelli Unici e la Camera di Commercio di Pavia di gestire i Comuni non ancora dotati di Sportello Unico.

“Il gruppo di lavoro – sottolinea l’assessore Marchiafava - rappresenta un’importante sinergia provinciale, che ha permesso la redazione e l’aggiornamento della guida che finalmente indica con chiarezza ed in modo univoco le modalità di compilazione della SCIA”.

Nel caso di avviamento di un’attività, pur nella consapevolezza che è praticamente impossibile formulare indirizzi per ogni tipologia di attività produttiva esistente, le indicazioni fornite danno un quadro unitario e condiviso nell’interpretazione normativa e, quindi, nella compilazione della SCIA.

In particolare, ogni soggetto si occupa di una tematica specifica e concorre all’aggiornamento tematico e normativo della Guida: i Vigili del Fuoco si occupano di prevenzione incendi, l’Arpa di inquinamento acustico, l’Asl delle condizioni igieniche negli esercizi di ristorazione, il settore Ambiente della Provincia di Pavia di aria e scarichi idrici

“Le indicazioni ed i suggerimenti di redazione – spiega l’assessore - sono un passo significativo verso la condivisione ed il coordinamento degli obiettivi, delle conoscenze e delle buone prassi, leva essenziale e determinante per lo sviluppo del nostro territorio e per il rilancio della competitività del tessuto produttivo provinciale. Finalmente ai nostri imprenditori viene offerto un quadro interpretativo uniforme e valido per tutto l'ambito provinciale che consentirà di ridurre i tempi di risposta da parte delle Pubbliche Amministrazioni e di dare la sicurezza di avere le stesse possibilità di aprire un’attività e di ricevere lo stesso trattamento in tutti i Comuni della provincia. Ringrazio personalmente – conclude l’assessore Marchiafava – tutti i componenti del gruppo di lavoro per la professionalità e la collaborazione reciproca, finalizzata ad aiutare le imprese ed il mondo del lavoro nel nostro territorio provinciale”.

Condividi