Beni Monumentali e Itinerari turistici, presto un vertice a Pavia con il MiBAC

Il Presidente Bosone in un incontro al Ministero per i Beni Culturali chiede più attenzione per la Certosa di Pavia: “Lavoriamo alla firma di un accordo che definisca una strategia comune sulla valorizzazione del nostro patrimonio “.

 

Si terrà a  breve a Pavia un vertice con la Direzione Regionale Beni Culturali della Lombardia per fare il punto sul progetto di valorizzazione dei monumenti e degli itinerari turistici in fase di elaborazione dalla Provincia di Pavia. L’obiettivo è stringere un accordo per valorizzare i beni culturali del nostro territorio. A sollecitare il vertice è stato ieri il Ministero per i Beni e le Attività Culturali nel corso di un incontro con il Presidente Daniele Bosone.

Un incontro definito “positivo” da Bosone e che porterà ad un momento di confronto a partire dal monumento più importante della nostra Provincia – la Certosa di Pavia – e al suo inserimento nell’itinerario visconteo, che si sviluppa fino alla bassa pavese, al quale Provincia ed Enti interessati stanno già lavorando.

“Il Ministero – spiega il Presidente – ha trovato molto interessante il lavoro che stiamo facendo in materia di turismo e valorizzazione dei beni culturali. Ci ha chiesto di organizzare a breve un incontro a Pavia per arrivare alla stipula di un accordo che definisca strategie ed obiettivi comuni. L’idea è di concertare un piano strategico di sviluppo culturale capace di portare nuova linfa al turismo e una migliore promozione delle nostre tipicità,  grazie anche agli itinerari turistici. Di portare, cioè, sviluppo al territorio”.

“Noi crediamo che la crescita del turismo non possa che passare attraverso una azione di sistema. La Certosa di Pavia, i castelli, le abbazie della nostra provincia sono gli elementi fondanti, ma questo patrimonio non va considerato come qualcosa a se stante, ma come parte di un percorso integrato. E’ questo il lavoro che, insieme ad altri partner, stiamo facendo sulle tre zone – Pavese – Oltrepò, Alto Oltrepò e Lomellina – e che ora  grazie all’interesse incontrato al Ministero avrà ulteriore impulso”, conclude Bosone.

Condividi