Avviso a selezione ex legge 56/67 art. 16 Ministero Grazia e Giustizia - Operatori Giudiziari

Avviso a selezione, mediante avviamento degli iscritti al Centri per l’Impiego, finalizzata all’assunzione di 615 operatori giudiziari (area II, Fascia economica F1) con rapporto di lavoro a tempo pieno e indeterminato, per la copertura di posti vacanti in uffici giudiziari aventi sede nelle Regioni Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana e Vento. Posti da ricoprire relativamente al Distretto di Milano - Sede di Pavia: 12 Operatori Giudiziari Area II Fascia economica F1.  Per i posti di n. 12 Operatori Giudiziari è possibile dare l’adesione recandosi personalmente il giorno 18/11/2019 dalle 8.30 alle 13.00 presso le sedi dei Centri per l'Impeigo della Provincia di Pavia

Continua a leggere: Avviso a selezione ex legge 56/67 art. 16 Ministero Grazia e Giustizia - Operatori Giudiziari

Offerte di lavoro settore Pubblico

CHIAMATA SUI PRESENTI DEL 18/11/2019

AVVISO A SELEZIONE EX LEGGE 56/67 ART. 16

MINISTERO GRAZIA E GIUSTIZIA - OPERATORI GIUDIZIARI

Avviso a selezione, mediante avviamento degli iscritti al Centri per l’Impiego, finalizzata all’assunzione di 615 operatori giudiziari (area II, Fascia economica F1) con rapporto di lavoro a tempo pieno e indeterminato, per la copertura di posti vacanti in uffici giudiziari aventi sede nelle Regioni Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia , Toscana e Vento.

G.U. n. 80 del 08/10/2019.

Posti da ricoprire relativamente al Distretto di Milano - Sede di Pavia:

·         numero 12 Operatori Giudiziari Area II Fascia economica F1.

Per i suddetti posti di n. 12 Operatori Giudiziari è possibile dare l’adesione recandosi personalmente il giorno 18/11/2019 dalle 8.30 alle 13.00 presso le seguenti sedi:

Centro Impiego di Pavia              Piazza Italia, 5/8 – 27100 Pavia;

Centro Impiego di Voghera       Via del Popolo 42 - 27058 Voghera;

Centro Impiego di Vigevano     Via Vincenzo Boldrini, 1 - 27029 Vigevano.

Scarica la seguente documentazione relativa alla chiamata:

Avviso univoco;

Scheda informativa univoca allo scopo di informare gli utenti;

Bando Ministero della Giustizia;

D.G.R. Regione Lombardia  n  VIII-4890 del 15-giu-2007.

Si informa la gentile Utenza che nella suddetta giornata, le atre attività ordinarie svolte dai Centri per l’Impiego saranno temporaneamente sospese al fine di consentire l’adesione dei presenti alla chiamata sopra descritta.

 

Trasporti eccezionali - Autorizzazioni

L'Ufficio si occupa del rilascio delle autorizzazioni alla circolazione dei veicoli eccezionali e dei trasporti in condizioni di eccezionalità (articolo 10 comma 6 del Codice della Strada) nonché delle macchine agricole eccezionali (art. 104 comma 8 del Codice della Strada) e delle macchine operatrici eccezionali (art. 114 comma 3 del Codice della Strada).

L'autorizzazione può essere di tre tipi:

·         Periodica. È efficace per mesi 12 e riguarda i veicoli indicati nell'elenco.

·         Singola. È efficace per 90 giorni e vale per un solo viaggio su un tragitto specificato nella domanda.

·         Multipla. È efficace 180 giorni e vale per più di un viaggio.

L'Ufficio acquisisce la richiesta di autorizzazione presentata dalla ditta, verifica la completezza della documentazione, il versamento dell'istruttoria e il versamento dell'usura (art. 10 Codice della strada e art. 18 Regolamento Esecuzione ed Attuazione) della strada, se necessario (eccedenti masse stabilite dall'art. 62 Codice della Strada) e provvede al rilascio del provvedimento di autorizzazione.

 

Spese di istruttoria

La spese di istruttoria risultano da versare sul c/c 14814271 e sono stabilite, ai sensi della  DGP n. 417 del 16/12/2013, come di seguito indicato:

·         autorizzazione periodica € 80,00;

·         rinnovo periodica € 80,00;

·         proroga € 30,00;

·         correzioni e/o integrazioni € 10,00;

·         macchine agricole eccezionali € 20,00;

·         rinnovo macchine agricole eccezionali € 20,00

 

Indennizzo per maggiore usura

La tabella di indennizzo per maggiore usura è tra gli allegati in calce.

 

Contatti:


Sig.ra Elisabetta Nobile Tel. 0382 597507  (dalle ore 9.00 alle ore 12.30) e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Sig.ra Luigina Canosi Tel. 0382 597456  (dalle ore 9.00 alle ore 12.30) e-mail  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

APPLICATIVO TE  ON LINE

La Provincia di Pavia ha adottato l’applicativo sviluppato interamente su tecnologia web, denominato “TE on-line”, per la compilazione e l’inoltro delle richieste di autorizzazione al transito per trasporti eccezionali e successivo procedimento di rilascio delle relative autorizzazioni.

Tutti gli utenti dovranno accedere al programma tramite il portale, al seguente link:

https://www.teonline.servizirl.it/

Per accedere è necessario registrarsi compilando il relativo modulo. Gli utenti che già utilizzano la piattaforma nelle Regioni che hanno adottato il programma TE on-line potranno utilizzare le credenziali in loro possesso.

Per le agenzie di consulenza automobilistica e le associazioni di categoria, la registrazione di un cliente o di un associato non ancora registrato va fatta utilizzando lo stesso modulo di registrazione, inserendo una nuova anagrafica senza richiedere l'inserimento di nuovi utenti. Inoltre, deve essere allegata ai documenti della pratica anche la specifica delega.

Accesso al servizio – (solo utenti abilitati):

L'abilitazione va richiesta compilando il modulo di registrazione, inserendo una nuova anagrafica per la Ditta e un nuovo utente per le credenziali di accesso (anche più utenti, preferibilmente dotati di firma digitale). Per le agenzie/studi automobilistici/associazioni di categoria, l'iscrizione di un cliente/associato ancora non registrato va fatta utilizzando lo stesso modulo di registrazione, inserendo una nuova anagrafica senza richiedere l'inserimento di nuovi utenti. Inoltre, deve allegarsi tra i documenti della pratica anche la specifica delega prevista. Per la guida sulla compilazione consultare il sito www.trasportoeccezionale.net.

Per le comunicazioni obbligatorie da effettuarsi per i transiti eccezionali e i servizi scorta prestati, collegarsi a comunicazioni transiti utilizzando il Codice della pratica e la targa del veicolo principale, avendo cura di digitare quest’ultima spaziando i caratteri alfanumerici della stessa, es: BS 568 YJ.

Per informazioni sul portale, howto e tutorial, consultare il sito www.trasportoeccezionale.net. Per eventuali segnalazioni e richieste scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

PUBBLICAZIONE CARTOGRAFIE

La Provincia di Pavia, in attuazione alle disposizioni dettate dalle  Linee guida di indirizzo e coordinamento per il rilascio delle autorizzazioni alla circolazione dei veicoli eccezionali e dei trasporti in condizioni di eccezionalità – 2° aggiornamento approvate dalla Regione Lombardia con D.G.R. n. 1341 del  4 marzo 2019, ha pubblicato sul sito istituzionale, al seguente link: Cartografia strade percorribili dai Trasporti Eccezionali le cartografie inerente gli itinerari percorribili per i veicoli eccezionali ed i trasporti in condizione di eccezionalità di tipo periodico aventi massa complessiva fino a ton. 108, lungo la propria rete viaria.

Le pubblicazione sostituirà il nulla osta o il parere da richiedersi da parte dell’Ente autorizzante, qualora i veicoli/trasporti che si intendono autorizzare rientrino nelle fattispecie previste nelle cartografi pubblicate.

Sarà obbligo del trasportatore, prima di ogni viaggio, consultare i percorsi disponibili verificando le limitazioni e prescrizioni riportate sulle cartografie, consultare l’elenco delle Ordinanze di limitazione della viabilità.

 

ALLEGATI

Linee guida di indirizzo e coordinamento per il rilascio delle autorizzazioni alla circolazione dei veicoli eccezionali e dei trasporti in condizioni di eccezionalità – 2° aggiornamento, approvate da Regione Lombardia con D.G.R. n 1341 del 4 marzo 2019

Cartografie inerenti gli itinerari percorribili per i veicoli eccezionali ed i trasporti in condizioni di eccezionalità lungo la rete viaria della Provincia di Pavia

Tabella indennizzo per maggiore usura della strada anno 2019

Ordinanze di limitazione della viabilità

Catalogo Provinciale dell'offerta pubblica dei servizi integrati per l'apprendistato

La Provincia di Pavia con Determinazione Dirigenziale n. 821 del 05/09/2019 ha approvato l‘Avviso per l’aggiornamento del “Catalogo provinciale dell’offerta dei servizi integrati per l’apprendistato Professionalizzante” . Il termine ultimo per la presentazione delle candidature è scaduto alle ore 12.00 del 27 SETTEMBRE 2019. Con Determinazione Dirigenziale n. 985 del 17/10/2019 è stato approvato l’elenco degli operatori ammessi alla costituzione del “Catalogo Provinciale”.

Si informano le aziende che per poter avviare il percorso formativo è necessario contattare uno degli Enti sopra elencati e procedere all’iscrizione dei propri apprendisti. I requisiti di accesso alla Dote sono indicati nell’Avviso “Dote Apprendistato – Indirizzi per la programmazione – Periodo Formativo 2019-2020” approvato con  Determinazione Dirigenziale n. 1028 del 28/10/2019

 Per info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Catalogo Provinciale dell'offerta pubblica dei servizi integrati per l'apprendistato

La Provincia di Pavia con Determinazione Dirigenziale n. 821 del 05/09/2019 ha approvato l‘Avviso per l’aggiornamento del “Catalogo provinciale dell’offerta dei servizi integrati per l’apprendistato Professionalizzante” . Il termine ultimo per la presentazione delle candidature è scaduto alle ore 12.00 del 27 SETTEMBRE 2019. Con Determinazione Dirigenziale n. 985 del 17/10/2019 è stato approvato l’elenco degli operatori ammessi alla costituzione del “Catalogo Provinciale”.

Si informano le aziende che per poter avviare il percorso formativo è necessario contattare uno degli Enti sopra elencati e procedere all’iscrizione dei propri apprendisti. I requisiti di accesso alla Dote sono indicati nell’Avviso “Dote Apprendistato – Indirizzi per la programmazione – Periodo Formativo 2019-2020” approvato con  Determinazione Dirigenziale n. 1028 del 28/10/2019. Segui il link

Il territorio

La Provincia di Pavia si estende nella porzione sud-occidentale della Lombardia e confina con le regioni Piemonte ad ovest ed Emilia Romagna a sud, con la provincia di Lodi a est e con la provincia di Milano a nord. Il territorio provinciale è tagliato, da ovest verso est, dal Fiume Po e, da nord-ovest verso sud-est, dal Fiume Ticino: i due fiumi lo dividono in tre aree geografiche distinte: la Lomellina a ovest, il Pavese a est e l’Oltrepo a sud. La provincia di Pavia si estende su una superficie di 2.964,7 kmq; dal punto di vista morfologico si qualifica come prevalentemente pianeggiante (74,1%) con presenza di territorio collinare (16,2%) e montano (9,8%).

Strumento principe per il governo del territorio, che sappia combinare al meglio le esigenze di nuovi insediamenti produttivi con il rispetto dell'ambiente, è il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale, attraverso il quale realizzare efficaci interventi a favore dello sviluppo sostenibile.

Centri Revisione Autorizzati

Il Nuovo Codice della Strada (D.Lgs. 30 aprile 1992 n. 285 - art. 80 comma 8) ha stabilito che le revisioni periodiche dei veicoli a motore capaci di contenere al massimo 16 persone compreso il conducente, ovvero con massa complessiva a pieno carico fino a 3,5t, possono essere effettuate da imprese di autoriparazione che svolgono la propria attività nel campo della meccanica e motoristica, carrozzeria, elettrauto e gommista ovvero da imprese che, esercitando in prevalenza attività di commercio veicoli, esercitino altresì, con carattere strumentale o accessorio, l'attività di autoriparazione.

L'impresa titolare di più sedi operative presso le quali intende effettuare le revisioni deve richiedere il rilascio di distinte autorizzazioni per ciascuna delle suddette sedi (ai sensi dell'art. 239 del Decreto del Presidente della Repubblica del 16 dicembre 1992 n. 495 e succ. mod. ed integrazioni).

La Provincia ha la competenza per il rilascio delle autorizzazioni per l'esecuzione delle revisioni.

È possibile procedere al rilascio delle seguenti autorizzazioni:

  • Revisioni autoveicoli;
  • Revisioni autoveicoli e veicoli a due ruote;
  • Revisioni autoveicoli e veicoli a due, tre e quattro ruote;
  • Revisioni a due ruote.

 

ASSOLVIMENTO IMPOSTA DI BOLLO: LEGGI LE NOVITA’

Si ricorda che, dal 1° settembre 2018, l’imposta di bollo sulle istanze e sui provvedimenti finali può essere assolta solo in modo virtuale.

Pertanto le istanze con marca da bollo cartacea non saranno più accettate e dal 1° ottobre p.v. saranno automaticamente bloccate dall’Ufficio Protocollo.

Scarica la modulistica aggiornata con l’indicazione degli importi e delle modalità di pagamento.

Istanze e comunicazioni: invio tramite posta elettronica certificata

Si avvisa l’utenza che, nell’ambito del processo di digitalizzazione di atti e provvedimenti che l’Ente sta portando a compimento, dal 1° ottobre 2018 le istanze e le comunicazioni da parte di Istituzioni, Imprese, Associazioni dovranno pervenire tramite posta elettronica certificata al seguente indirizzo pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Si invitano anche i privati cittadini ad utilizzare preferibilmente la medesima modalità.

Autoscuole

Le Autoscuole hanno per scopo l'educazione stradale, l'istruzione e la formazione dei conducenti di veicoli a motore, svolgendo attività di formazione dei conducenti per il conseguimento di patente di qualsiasi categoria (art. 123 del Codice della Strada in vigore dal 13 agosto 2010).

Per poter esercitare l'attività di autoscuola è necessario presentare alla Provincia la Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.) corredata dei requisiti (professionali, finanziari e morali) prescritti dalla normativa vigente.

 La S.C.I.A. può essere presentata da persone fisiche e giuridiche (imprese individuali e società di persone e di capitali).

 

 La presentazione della S.C.I.A. è necessaria per:

  • l'apertura di nuove attività
  • la variazione di attività già esistenti (titolarità, trasferimenti di sede, trasformazione della forma societaria, ecc.).

L'attività di autoscuola può essere iniziata solo dopo la verifica del possesso dei requisiti prescritti, come previsto dall'art. 123, comma 7 bis del D.Lgs. 285/1992  (Nuovo Codice della Strada) e s.m.i.

Nel termine di 60 giorni dalla data di presentazione della SCIA, la Provincia verifica i requisiti necessari per l’esercizio dell’attività.

Qualora la verifica dei presupposti e dei requisiti di legge della SCIA depositata sia negativa per documentazione irregolare o incompleta, ovvero nel caso in cui sia accertata la carenza di condizioni, fatti, modalità legittimanti l’esercizio dell’attività oggetto della SCIA, la Provincia adotta motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell’attività e di rimozione dei suoi effetti, salvo che, ove ciò sia possibile, l’Impresa interessata provveda a conformare alla normativa vigente detta attività ed i suoi effetti entro un termine fissato dalla Provincia.

Centri d'istruzione automobilistica

È data facoltà a due o più autoscuole di consorziarsi secondo quanto disposto dal codice civile agli art. 2602 e seguenti e costituire Centri d'istruzione automobilistica ai sensi dell'art. 7 del D.M. 17 maggio 1995, n. 317.

Al Centro confluiscono solo gli allievi iscritti presso le autoscuole aderenti al Centro stesso che vengono annotati su apposito registro. Non é consentito iscrivere allievi direttamente nel Centro.

 

ASSOLVIMENTO IMPOSTA DI BOLLO: LEGGI LE NOVITA’

Si ricorda che, dal 1° settembre 2018, l’imposta di bollo sulle istanze e sui provvedimenti finali può essere assolta solo in modo virtuale.

Pertanto le istanze con marca da bollo cartacea non saranno più accettate e dal 1° ottobre p.v. saranno automaticamente bloccate dall’Ufficio Protocollo.

Scarica la modulistica aggiornata con l’indicazione degli importi e delle modalità di pagamento.

Istanze e comunicazioni: invio tramite posta elettronica certificata

Si avvisa l’utenza che, nell’ambito del processo di digitalizzazione di atti e provvedimenti che l’Ente sta portando a compimento, dal 1° ottobre 2018 le istanze e le comunicazioni da parte di Istituzioni, Imprese, Associazioni dovranno pervenire tramite posta elettronica certificata al seguente indirizzo pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Si invitano anche i privati cittadini ad utilizzare preferibilmente la medesima modalità.

Esito finale della sessione d’esame del 29 ottobre 2019 per il conseguimento dell’attestato di idoneità professionale all’esercizio dell’attività di autotrasportatore di merci per conto di terzi e di autotrasporto di persone su strada.

Scarica l’esito della sessione d’esame del 29 ottobre 2019.

Ai candidati sarà data comunicazione nell’e-mail indicata nella domanda di partecipazione all’esame della data a partire dalla quale sarà possibile ritirare gli attestati di idoneità professionale.

Si anticipa che gli attestati potranno essere ritirati, presso l’Ufficio Trasporti della Provincia di Pavia sede di p.zza Italia, 2 - II piano, dall’interessato con idoneo documento di identificazione o da altro soggetto munito di apposita delega e di documento di identificazione del delegante e del delegato.

Al momento del ritiro dovrà inoltre essere prodotta attestazione del versamento di € 16,00 per assolvimento dell’imposta di bollo, da effettuarsi sul conto corrente postale n. 31572878 intestato a: Provincia di Pavia - U.O.C. Amministrazione Trasporti - Servizio Tesoreria - P.zza Italia, n. 2 - 27100 PAVIA - con causale “Rilascio attestato di idoneità professionale all’esercizio dell’attività di autotrasportatore di merci per conto di terzi e di autotrasporto di persone su strada”

gli orari di apertura al pubblico sono:

da lunedì a giovedì: 9.15-12.00; 14.45-16.30

venerdì: 9.15-12.00

 

Che cos'è la formazione in apprendistato e come si svolge in provincia di Pavia

Da diversi anni la Provincia di Pavia si occupa in modo diretto di apprendistato, riservando particolare attenzione agli aspetti più strettamente formativi, considerato che questo particolare contratto di lavoro è tuttora fondamentale per favorire l’accesso dei giovani al mondo del lavoro.

Un’attenzione che si è esplicitata nel tentativo di garantire non solo una formazione efficace e puntuale, ma, soprattutto, sempre più in linea con le esigenze espresse dalle realtà produttive locali.

La regolamentazione del contratto di apprendistato, prevede che l’azienda, titolare della responsabilità di formare l’apprendista assunto alle proprie dipendenze, provveda alla formazione formale obbligatoriamente prevista per l’apprendista, come condizione essenziale per la corretta attuazione del contratto ed il conseguente riconoscimento degli sgravi contributivi previsti per questa tipologia contrattuale.

La Provincia di Pavia, al fine di supportare le aziende nell’assolvimento degli obblighi formativi previsti dalla normativa vigente, ha predisposto il “Catalogo provinciale dell’offerta pubblica di servizi integrati per l’apprendistato anno formativo 2010/2011” presentato dagli Enti formativi accreditati pressola Regione Lombardia e validato dalla Provincia. Obiettivo del Catalogo Provinciale è, pertanto, quello di offrire uno strumento, a totale finanziamento pubblico, semplice e diretto, che favorisca l’accesso delle aziende ai servizi offerti, garantendo piena libertà nella scelta dell’ente erogatore e una gamma articolata di opportunità, aggiuntiva a quella che è la formazione obbligatoria per legge.

Possono accedere all’offerta gratuita finanziata con risorse pubbliche (nei limiti delle risorse disponibili) in conformità di quanto previsto nell’Avviso Dote Apprendistato, le aziende che hanno dichiarato di ricorrere alla formazione esterna o integrata , oppure interna per il solo servizio di riconoscimento delle competenze.

La Dote Apprendistatosi caratterizza per la presenza dei seguenti elementi: 

  • designazione del beneficiario della Dote: non trasferibilità ad altri soggetti
  • designazione dei servizi: non equivalenza e non fungibilità con il denaro
  • composizione della Dote: il valore della Dote rispetta i massimali dei costi definiti per i singoli servizi fruibili dal titolare della Dote
  • l’assegnazione della Dote avviene secondo criteri di priorità regionali e provinciali

ed è rivolta ai giovani assunti con contratto di apprendistato e appartenenti alle seguenti categorie: 

  • Formazione esterna obbligatoria degli apprendisti assunti ai sensi dell'art. 16 della Legge n. 196/1997, a prescindere dalla data di assunzione:

a)      minorenni: percorsi formativi da 240 ore con contenuti culturali di base, trasversali e professionalizzanti

b)      maggiorenni: percorsi formativi da 120 ore con contenuti trasversali e professionalizzanti;

  • Formazione esterna degli apprendisti assunti a partire dal 01/01/2008, ai sensi dell'art. 49 del D. Lgs. 276/03;
  • Apprendisti che devono proseguire il percorso di formazione esternao integrata già avviato negli anni precedenti, assunti ai sensi dell’art 16 L. 196/97 (DDIF e extra obbligo) ed ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 276/03, a prescindere dalla data di assunzione;
  • Servizi alle imprese:

a)      affiancamento consulenziale per la progettazione del Piano Formativo Individuale di Dettaglio e valutazione degli apprendimenti – massimo 3 ore per tutor aziendali di apprendisti assunti ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 276/03

b)      affiancamento consulenziale al tutor/formatore aziendale per la formazione in azienda su competenze tecnico-professionali – massimo 10 ore per tutor aziendali di apprendisti assunti ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 276/03

c)      supporto per la certificazione intermedia delle competenze in caso di interruzione del contratto, o finale (al termine del contratto di apprendistato) – massimo 2 ore per gli apprendisti assunti ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. 276/03 in aziende che hanno scelto la formazione interna all’azienda.

L’azienda/apprendista, insieme all’Ente formativo accreditato appartenente alla rete provinciale, definisce un percorso individuale da formalizzare in un Piano di Intervento Personalizzato (PIP), elaborato sulla base del contratto collettivo di lavoro di appartenenza dell’apprendista, della Dote, della tipologia dei servizi messi a catalogo e secondo quanto dettato nel documento le “Procedure e modalità per l’erogazione dei servizi integrati in apprendistato”.