Emissioni impianti industriali - autorizzazioni ordinarie

Come richiedere l'autorizzazione

Per tutte le attività o gli impianti che danno origine ad emissioni in atmosfera sia di tipo convogliato che diffuso è necessario ottenere la prevista autorizzazione ai sensi dell'art. 269 D.lgs. 152/2006 e smi, che con l’entrata in vigore del DPR n. 59 del 13/03/2013 “Regolamento recante la disciplina dell'autorizzazione unica ambientale e la semplificazione di adempimenti amministrativi in materia ambientale gravanti sulle piccole e medie imprese e sugli impianti non soggetti ad autorizzazione integrata ambientale, a norma dell'articolo 23 del decreto-legge 9 febbraio 2012, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 aprile 2012, n. 35”, deve essere inoltrata alla Provincia attraverso  il SUAP del Comune competente.

La domanda deve essere accompagnata:

·         dalla relativa documentazione tecnica redatta sullo schema dell'allegato B (si veda l'Allegato B); per le attività di “operazioni di trasformazione delle materie plastiche e gomma” deve essere allegata anche la “scheda identificativa” presente all'interno dello specifico allegato; si prega di descrivere in maniera esaustiva il ciclo produttivo con particolare riferimento agli impianti o fasi lavorative che danno luogo ad emissioni;

·         da idonee  planimetrie in scala, con legenda, sottoscritte da professionista abilitato e cartografie indicate nell'Allegato B;

·         dal certificato di destinazione urbanistica, attestazione di presenza e o assenza di vincoli pesaggistici, urbanistici, idrogeolocigi ecc.;

·         dalle schede di sicurezza delle materie prime utilizzate;

·         dalla ricevuta di versamento degli oneri per l'attività istruttoria: l'importo va determinato secondo le indicazioni contenute nel nuovo tariffario pubblicato con DGR n. X/3827 del 30/03/09 e versato tramite bonifico bancario con le seguenti “modalità di pagamento”. Il calcolo può essere eseguito con l’impiego del foglio di calcolo predisposto da Regione Lombardia:

Per 15 tipologie di attività, Regione Lombardia ha predisposto appositi singoli allegati tecnici di riferimento (elenco allegati)

Adempimenti successivi all'ottenimento dell'autorizzazione

Messa in esercizio e a regime dell'impianto

·         Almeno 15 giorni prima della messa in esercizio degli impianti, l'impresa deve dare comunicazione di messa in esercizio alla Provincia al Comune e all'A.R.P.A;

·         Dalla data di messa a regime decorrono poi i 20 giorni nel corso dei quali la ditta è tenuta ad eseguire un ciclo di campionamento volto a caratterizzare le emissioni derivanti dagli impianti autorizzati. Il ciclo di campionamento deve:

1.     essere effettuato in un periodo continuativo di marcia controllata di durata non inferiore a 10 gg. - decorrenti dalla data di messa a regime; in particolare dovrà permettere la definizione e la valutazione della quantità di effluente in atmosfera, della concentrazione degli inquinanti presenti ed il conseguente flusso di massa; n.b.: i 10 gg continuativi sono riferiti alla marcia dell'impianto e non al ciclo dei campionamenti;

2.     essere presentato, entro 60 gg. dalla data di messa a regime degli impianti, alla Provincia, al Comune ed all'ARPA competente per territorio;

3.      essere accompagnato da una relazione finale che riporti la caratterizzazione del ciclo produttivo e delle emissioni generate nonché quella delle strategie di rilevazione effettivamente adottate;

Il ciclo di campionamento  dovrà essere condotto seguendo le previsioni generali di cui al metodo UNICHIM 158/1988, e a successivi atti normativi che dovessero essere adottati su questa tematica, con particolare riferimento all'obiettivo di una opportuna descrizione del ciclo produttivo in essere, delle caratteristiche fluidodinamiche dell'effluente gassoso e di una strategia di valutazione delle emissioni che tenga conto dei criteri, della durata, del tipo e del numero di campionamenti ivi previsti.

·         Le analisi di controllo degli inquinanti, fatto salvo quanto prescritto negli specifici allegati tecnici, dovranno successivamente essere eseguite con cadenza temporale prevista dall’autorizzazione rilasciata, ed i referti analitici devono essere trasmessi all'ARPA competente per territorio.

·         Dovranno essere tenute a disposizione di eventuali controlli anche le schede tecniche attestanti la conformità degli impianti ai requisiti impiantistici riportati negli allegati specifici facenti parte integrante del provvedimento autorizzativo.

 

Contatti
Tel. 0382/597729 – 0382/597907 – 0382/597520 – 0382/597803

e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Normativa statale e regionale di riferimento e modulistica:

Allegati:
Scarica questo file (Allegato 1.pdf)Allegato 1.pdf[ ]97 kB
Scarica questo file (Allegato 10.pdf)Allegato 10.pdf[ ]32 kB
Scarica questo file (Allegato 11.pdf)Allegato 11.pdf[ ]53 kB
Scarica questo file (Allegato 12.pdf)Allegato 12.pdf[ ]31 kB
Scarica questo file (Allegato 13.pdf)Allegato 13.pdf[ ]33 kB
Scarica questo file (Allegato 14.pdf)Allegato 14.pdf[ ]31 kB
Scarica questo file (Allegato 15.pdf)Allegato 15.pdf[ ]136 kB
Scarica questo file (Allegato 2.pdf)Allegato 2.pdf[ ]38 kB
Scarica questo file (Allegato 3.pdf)Allegato 3.pdf[ ]55 kB
Scarica questo file (Allegato 4.pdf)Allegato 4.pdf[ ]53 kB
Scarica questo file (Allegato 5.pdf)Allegato 5.pdf[ ]34 kB
Scarica questo file (Allegato 6.pdf)Allegato 6.pdf[ ]30 kB
Scarica questo file (Allegato 7.pdf)Allegato 7.pdf[ ]29 kB
Scarica questo file (Allegato 8.pdf)Allegato 8.pdf[ ]34 kB
Scarica questo file (Allegato 9.pdf)Allegato 9.pdf[ ]38 kB