Garzaia della Roggia Torbida

Ubicazione Comune di Bressana Bottarone

Situata internamente ad un'ansa residuale del fiume Po, la garzaia della Roggia Torbida è a stretto contatto e, al contempo, isolata rispetto ai circostanti interventi antropici. Oltre alla presenza di una linea elettrica che l'attraversa infatti, a segnarne i suoi confini sono, da un lato la S.P. Bressana-Salice, dall'altro lato la linea ferroviaria Pavia-Stradella e, dal terzo e ultimo lato, l'omonima roggia. Nonostante l'impatto di queste strutture sull'ambiente, la natura si è "difesa" sviluppando un impenetrabile sottobosco che funge da barriera protettiva per la riserva. Al suo interno, un sistema di canali e acquitrini (nati dall'affioramento della falda freatica), hanno conferito all'ambiente l'umidità necessaria per lo sviluppo di un canneto e di un bosco igrofilo le cui essenze dominanti sono Ontani neri (Alnus glutinosa), Pioppi bianchi (Populus alba), Olmi (Umulus minor), Salici bianchi (Salix alba) e, nelle porzioni meno fitte, anche Saliconi (Salix caprea).
Riserva naturale di una certa importanza per la ricchezza in specie ornitiche, la Roggia Torbida è inserita nella zona di ripopolamento e cattura "Castelletto". In passato ha visto la nidificazione di Nitticore e di Aironi rossi ma, ad oggi purtroppo, la garzaia vera e propria è ormai inesistente nonostante le condizioni ambientali siano ancora adeguate alla presenza di Ardeidi. Oggi la Garzaia della Roggia Torbida è riconosciuta come Sito di Importanza Comunitario per la presenza di habitat prioritari rappresentando uno dei pochi siti di rete natura 2000 presenti in Oltrepò.

Con Decreto ministeriale 15 luglio 2016 la Riserva è stata designata quale "Zona Speciale di Conservazione" (ZSC) ai sensi della Direttiva "Habitat" (92/43/CE). 

Piano di Gestione