Condizionalità

Condizionalità

La condizionalità consiste nel rispetto di tutte quelle regole già esistenti, dettate da Direttive e Regolamenti CE e riguardanti l'ambiente, la sanità pubblica, il benessere animale e il mantenimento in buone condizioni agronomiche e ambientali del terreno. La Comunità Europea ha deciso di collegare il controllo del rispetto di tali normative  con il percepimento del Premio Unico e con i premi di alcune misure del Programma di Sviluppo Rurale 2007/2013 (in particolare la 211, la 214 e la 221).
All'atto della sottoscrizione della domanda di premio unico (domanda PAC) o delle suddette domande ai sensi del PSR 2007/2013, l'imprenditore agricolo dichiara di conoscere e rispettare le normative sulla condizionalità riguardanti la propria azienda.

La Provincia si occupa delle seguenti attività: realizzazione i controlli inerenti il regime di condizionalità ai sensi  del Reg Ce. 1782/2003 e Reg. Ce 796/2004. I controlli effettuati dalla Provincia riguardano in particolare l'ambiente e la sanità pubblica, mentre il controllo del mantenimento dei terreni in buone condizioni agronomiche e ambientali spetta direttamente all'Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura (nota come AGEA). Più nel dettaglio la Provincia si occupa del controllo del rispetto delle seguenti normative:

  • Regole di rispetto ambientale previste nei siti Natura 2000 - Siti di Importanza Comunitaria, SIC (conservazione degli habitat naturali) e Zone di Protezione Speciale, ZPS  (conservazione della fauna e degli uccelli selvatici);
  • normative che salvaguardano la protezione delle falde dall'inquinamento di sostanze pericolose;
  • legislazione riguardante lo spandimento dei fanghi in agricoltura;
  • normative riguardanti l'inquinamento da nitrati nelle falde e il rispetto delle regole nelle zone considerate più vulnerabili;
  • identificazione e registrazione dei capi allevati;
  • corretto utilizzo dei fitofarmaci e della filiera a monte e a valle dell'azienda agricola;
  • benessere animale (la responsabilità del controllo è in questo caso demandata ai funzionari dell'Ufficio veterinario dell'ASL).