Quote latte

Quote latte

La Provincia esercita  le funzioni amministrative in materia di quote latte, che comportano  attività di vigilanza relativa agli adempimenti dei produttori e dei primi acquirenti del latte,  che  sono rappresentati dalle ditte che ritirano il  latte direttamente dagli allevatori,  e la conseguente gestione informatizzata del Registro Pubblico delle Quote, consultabile sul sito del Sistema Informativo Agricolo Nazionale (www.sian.it).

Alla Provincia di Pavia vanno pertanto indirizzate le istanze relative a:

    • adesione/recesso alle Organizzazioni Produttori operanti nel settore lattiero-caseario;
    • contratti di affitto e di vendita di sola quota e di azienda con quota;
    • mutamenti di conduzione aziendale;
    • mobilità consegne /vendite dirette (entro il 15 dicembre di ogni anno);pluralità di aziende con unico conduttore (entro il 31 dicembre)
    • mancata o ridotta produzione per cause di forza maggiore (entro 30 giorni dal verificarsi dell'evento);
    • raccolta delle dichiarazioni di vendita diretta a fine campagna (entro il 14 maggio di ogni anno (da inviare anche ad Agea, l'Agenzia);
    • pluralità/successione di acquirenti;
    • vidimazione registri acquirenti, produttori e trasportatori della
Contratti di vendita di sola quota latte: i contratti devono essere stipulati entro e non oltre il 15 DICEMBRE di ogni anno e devono essere trasmessi entro i quindici giorni successivi alla data di stipula alla Provincia la quale, entro il 15 Febbraio autorizza il trasferimento di quota a valere per il periodo di commercializzazione successivo; per tale trasmissione si deve utilizzare l'apposita modulistica.
Inoltre:
  • il produttore CEDENTE, se socio di una cooperativa o se aderente ad una organizzazione di produttori, deve depositare in originale la dichiarazione del Presidente della cooperativa/associazione produttori attestante il corretto espletamento delle procedure per l'esercizio del diritto di prelazione. Si ricorda che le comunicazioni di intenzione di vendita, ai fini dell'esercizio del diritto di prelazione, devono pervenire alla cooperativa/associazione produttori interessata entro e non oltre il 10 NOVEMBRE di ogni anno;
  • nel caso di acquisto fuori regione, deve essere inviata copia del contratto alla Regione del produttore cedente entro 15 giorni dalla stipula. In questo caso il trasferimento di quota è consentito entro il limite massimo del 70% della quota latte dell'azienda cedente
  • Il produttore ACQUIRENTE deve rispettare il vincolo delle 30 tonnellate di quota per ettaro di superficie agricola utilizzata (SAU), con esclusione di boschi, frutteti e colture arboree.

 

Contratti di affitto quota latte: è possibile stipulare anche contratti di affitto di quota latte.

A tale scopo si ricorda che:

  • i contratti devono intercorrere fra produttori in attività, che hanno prodotto e commercializzato nel corso del periodo, entro e non oltre il 1° MARZO e devono essere trasmessi, entro tale data, alla  Provincia utilizzando l'apposita modulistica.
  • L'atto attestante il trasferimento di quota (cioè il MODULO con la convalida della regione o provincia di competenza) deve essere comunicato da parte di ciascun contraente (e quindi anche dal CEDENTE) al rispettivo acquirente.
  • Si rammenta che, ai fini delle revoche o riduzioni di quota per mancata o ridotta produzione, l'affitto NON COSTITUISCE utilizzo di quota.

La relativa modulistica è scaricabile dal sito della Regione Lombardia (http://www.agricoltura.regione.lombardia.it/cs/Satellite?c=Page&childpagename=DG_Agricoltura%2FDGLayout&cid=1213556269769&p=1213556269769&pagename=DG_AGRWrapper Opportunità e regole – Allevamenti e produzioni zootecniche – nota del 4/11/2003) e del SIAN (www.sian.it - Utilità – Download Modulistica).

A chi rivolgersi:

Adriano Zenato
0382/597761 • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.