La Riserva Naturale "Garzaia del Bosco Basso", è situata sulla sponda idrografica sinistra del fiume Po estendendosi alla quota media di 92 m s.l.m. in corrispondenza dell'area di paleomeandreggiamento recente di tale corso d'acqua.
L'idrografia di superficie della zona in cui si colloca la Riserva Naturale, come per le altre zone della pianura lomellina, risulta caratterizzata da una rete di rogge e canali aventi funzione irrigua e/o di scolo, molte delle quali di origine sorgiva (fontanili).
Più in generale all'interno della Riserva si rilevano numerosi settori caratterizzati da ristagni idrici superficiali dovuti al locale deflusso difficoltoso delle acque di precipitazione e/o affioranti in superficie per l'approssimarsi al piano campagna della superficie piezometrica riferita della prima falda.
La Riserva Naturale "Garzaia del Bosco Basso" si estende su terreni costantemente paludosi, per la presenza di sorgenti terrazzo, caratterizzati da formazioni vegetali igrofile arboree ed arbustive che, anche se rimaneggiate attraverso opere di bonifica, mantengono un discreto valore naturalistico come formazioni relitte. L'area di riserva è suddividibile, in base alle caratteristiche vegetazionali mostrate, in alcune zone, dominate dal bosco igrofilo di Alnus glutinosa che si estende in modo piuttosto continuo alternandosi solo occasionalmente al saliceto arbustivo e al canneto.
Il forte ombreggiamento dello strato arboreo limita lo sviluppo di quello arbustivo, costituito da individui sparsi o a piccoli gruppi di Sambucus nigra, Alnus glutinosa, Salix caprea, S. cinerea, Rubus sp.pl., Solanum dulcamara che presentano una copertura di circa il 15%.
Il terreno all'interno dei nuclei di alneto è solcato da canaletti di scolo in cui la presenza di acqua è strettamente legata all'andamento della falda. In queste situazioni si sviluppano popolamenti di specie igrofile che nella stagione favorevole possono raggiungere coperture elevate. Tra le specie presenti acquistano particolare importanza Cardamine amara, Carex elata, Solidago gigantea, Iris pseudacorus, Apium nodiflorum, Veronica anagallis aquatica, Typha latifolia.
Nella "Garzaia del Bosco Basso" attualmente nidificano cinque specie di Ardeidae: Nitticora (Nycticorax nycticorax), Garzetta (Egretta garzetta), Airone rosso (Ardea purpurea) Sgarza ciuffetto (Ardeola ralloides), ed Airone guardabuoi (Bubuculus ibis). Le prime tre specie sono presenti almeno a partire dal 1972, anno in cui la colonia è stata segnalata per la prima volta; è stato rilevato un unico evento di nidificazione dell'Airone cenerino (Ardea cinerea) nel 1993 con una coppia.
Il popolamento faunistico è di rilevante importanza soprattutto per quanto riguarda la nidificazione degli aironi coloniali, ma la presenza di una ricca avifauna, mammiferi, rettili e anfibi arricchiscono ulteriormente la sua valenza naturalistica.

 Piano di gestione