Imprenditore Agricolo Professionale

L'Imprenditore Agricolo Professionale (IAP) è colui il quale soddisfa contemporaneamente i seguenti requisiti:

  • e' in possesso di conoscenze e competenze professionali (ai sensi dell'articolo 5 del regolamento CE n. 1257/1999);
  • dedica all' attività agricola (articolo 2135 del codice civile), direttamente o in qualità di socio di società, almeno il cinquanta per cento del proprio tempo di lavoro complessivo;
  • ricava dalla attività agricola almeno il cinquanta per cento del proprio reddito globale da lavoro.

Per l'Imprenditore che opera nelle zone svantaggiate i predetti requisiti sono ridotti al venticinque per cento.
La qualifica di IAP può essere riconosciuta sia alle persone fisiche che alle persone giuridiche.
Le Società di persone, Cooperative e di Capitali, anche a scopo consortile, possono essere riconosciute IAP quando la ragione sociale o la denominazione delle società contenga l'indicazione di società agricola, l'oggetto sociale preveda l'esercizio esclusivo delle attività agricole e che siano in possesso dei seguenti requisiti:

  1. nel caso di società di persone almeno un socio sia in possesso della qualifica di IAP. Per le società in accomandita la qualifica si riferisce ai soci accomandatari.
  2. Nel caso di società di capitali o cooperative almeno un amministratore, che sia anche socio per le società cooperative, sia in possesso della qualifica di IAP.

Cosa fare per diventare IAP

Per ottenere la qualifica di Imprenditore Agricolo Professionale (IAP) occorre presentare una domanda alla Provincia, utilizzando l' apposito modulo.

Il riconoscimento di tale qualifica potrà avvenire in presenza dei seguenti requisiti:

  1. Possedere adeguate conoscenze professionali (requisito della professionalità); tale requisito può essere presunto per la persona che:
    • abbia esercitato per almeno due anni attività agricole come titolare, come coadiuvante familiare o lavoratore agricolo;
    • sia in possesso di un titolo di studio di livello universitario; di scuola media superiore, di istituto professionale o centro di formazione professionale nel campo agrario, veterinario o delle scienze naturali. In questo caso la durata complessiva dell'iter scolastico (compresa la formazione professionale) deve essere di almeno 11 anni.
    Il possesso di tale requisito qualora non si rientri nelle ipotesi sopra descritte potrà essere conseguito, a prescindere dall'età del richiedente, esercitando per due anni attività agricola come titolare ottenendo il riconoscimento della qualifica sotto condizione.
  2. Dedicare all'attività agricola almeno il 50% del proprio tempo di lavoro complessivo (requisito del  tempo dedicato).
    Tale requisito deve intendersi posseduto se si verifica che il fabbisogno di manodopera dell'azienda non è inferiore al 50% del monte ore annuo previsto per un lavoratore agricolo che è pari a 1800 ore.
    Per l'imprenditore che operi nelle zone svantaggiate (all'art. 17 del regolamento CE 1257/1999), il fabbisogno di manodopera non deve essere inferiore al 25%  del monte ore annuo previsto per un lavoratore agricolo che è pari a 1800 ore.
  3. Ricavare dalla medesima attività almeno il 50% del proprio reddito globale da lavoro (requisito del reddito ricavato).
    Per l'imprenditore che opera nelle zone svantaggiate  il reddito prodotto dalla attività agricola deve essere almeno il 25% del reddito globale da lavoro dell'imprenditore.
    Dal computo del reddito globale da lavoro vanno esclusi i redditi da pensione e gli assegni ad esse equiparati e le somme percepite per l'espletamento di cariche pubbliche ovvero in società, associazioni ed altri enti operanti nel settore agricolo.

Il termine per la conclusione del procedimento è fissato in 45 giorni dalla presentazione della domanda.
L'eventuale ricorso avverso al diniego del riconoscimento della qualifica è di competenza del giudice civile (Consiglio di Stato sentenza n. 725/88 e sentenza n. 1266/88).
L'esito positivo delle istanze pervenute, nonché tutte le modifiche e le revoche sono  inserite dalla Provincia nell'Anagrafe delle imprese agricole lombarde attraverso il Sistema Informativo Agricolo della Regione Lombardia (SIARL).

A chi rivolgersi:

Lorenzo Viola
tel. 0382/597841 • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 MODULISTICA PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA.

Nota: Per ogni domanda allegare n. 1 marca da bollo dell'importo di 16,00 € per il rilascio dell'attestato di riconoscimento.